Il killer di Ilenia Fabbri, il 53enne Pierluigi Barbieri, avrebbe dovuto "menare" anche un'altra persona per conto di Claudio Nanni, l'ex marito della 46enne uccisa nella sua casa di Faenza lo scorso 6 febbraio. L'uomo, oltre a commissionare il delitto della ex moglie avrebbe infatti chiesto allo "Zingaro" di punire una non ben definita persona rea di non aver saldato un debito.

L'investimento di Claudio Nanni e la richiesta dei 20mila euro

Barbieri lo avrebbe riferito agli inquirenti durante l'interrogatorio di garanzia che lo ha portato a confessare il delitto di Ilenia Fabbri. Stando a quanto trapelato sembra che questo secondo ingaggio fosse compreso nella cifra di 20mila euro e dell'auto promessa da Nanni al killer per uccidere la ex moglie. Durante lo stesso interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari Corrado Schiaretti, il killer avrebbe anche fatto trapelare una sorta di timore nei confronti di Nanni dopo la sua confessione, definendo il meccanico "aggressivo e vendicativo". Secondo gli inquirenti la persona che Barbieri avrebbe dovuto "menare" potrebbe essere qualcuno coinvolto nell'investimento fatto da Nanni nel giugno del 2020.

Pierluigi Barbieri
in foto: Pierluigi Barbieri

Una donna di Faenza avrebbe infatti raccontato agli inquirenti che Nanni le avrebbe parlato di un investimento da 20mila euro così da toglierli dal conto corrente. Forse la stessa donna aveva messo in contatto il meccanico con il referente della società ungherese per l'investimento che avrebbe poi voluto "ritirare" chiedendo i soldi indietro dopo un po': prima lo avrebbe fatto con mail e messaggi cordiali fino ad arrivare a prospettare un incontro con l'ungherese sin sotto casa. Al meccanico faentino servivano in particolare 15 mila euro immediatamente: sulla ragione di ciò, si canalizzato i sospetti degli inquirenti visto che lo Zingaro ha fin qui parlato di un accordo con il Nanni raggiunto mesi prima dell'omicidio.