136 CONDIVISIONI
L'omicidio di Ilenia Fabbri a Faenza

Omicidio Ilenia Fabbri, gli audio che inchiodano i due imputati: “Appena esco, facciamo tutto…”

Continua il processo per l’omicidio di Ilenia Fabbri, per il quale sono imputati con l’accusa di concorso in omicidio pluriaggravato l’ex marito Claudio Nanni e il sicario reo confesso Pierluigi Barbieri.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Biagio Chiariello
136 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Ilenia Fabbri a Faenza

"Una volta che esco dai dopo si fanno tutte le cose che bisogna fare, ok?". Questo il contenuto di un vocale su whatsapp scambiato tra i due imputati nel processo per l'omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata il 6 febbraio nel suo appartamento di Faenza, nel Ravennate. Si tratta dell'ex marito Claudio Nanni, 54enne inquadrato quale mandante del delitto, e il sicario reo confesso Pierluigi Barbieri, alias ‘lo Zingaro', 53enne originario di Cervia ma domiciliato nel Reggiano. Secondo quanto riferito davanti alla Corte d'Assise di Ravenna dagli investigatori della squadra Mobile, le parole sono di Claudio Nanni. A quali "cose" allude? Per l'accusa non ci sono dubbi: l'omicidio dell'ex moglie.  L'audio, riprodotto integralmente in aula, risale allo scorso 10 dicembre, periodo nel quale il meccanico si trovava in quarantena per Covid: era in attesa di tampone fissato per il 14; quindi, se negativo, sarebbe uscito di casa. Gli inquirenti hanno spiegato come, tramite la rubrica di whatsapp di Nanni, fossero arrivati al nome di Barbieri, uomo di corporatura robusta, rasato e alto 1.88: simile cioè alla descrizione fornita dall'unica testimone oculare, l'allora fidanzata della figlia della vittima rimasta a dormire quella notte nell'appartamento.

I precedenti tentativi di omicidio

Dalla messaggistica sono emerse anche altre due dettagli importati: conversando con una familiare, Nanni aveva fatto capire che tra il 13 e il 20 ottobre si trovava in Sicilia per un viaggio. Quindi il 30 ottobre era andato con la figlia a Roma per l'acquisto, poi saltato, di un'auto: entrambi i periodi sono stati indicati nella confessione di Barbieri come coincidenti con i due precedenti tentativi di uccidere la Fabbri (come dire che il Nanni in concomitanza si era costruito degli alibi). Gli agenti della polizia Scientifica, hanno inoltre ricostruito, grazie alle videocamere di sorveglianza, gli spostamenti dei due imputati sia sul luogo del crimine che in precedenti occasioni alla officina del Nanni.

Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri
Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri

Come è stata uccisa Ilenia Fabbri

E hanno collocato nel 17 marzo, giorno della confessione di Barbieri in Questura, il ritrovamento del manico in teflon di una mazzetta da muratore che il 53enne avrebbe portato con sé per uccidere la donna salvo poi accelerare l'azione con un coltellaccio da cucina recuperato in un lavello: su sua indicazione, il manico era stato ritrovato nella scarpata del cavalcavia 51 carreggiata nord dell'autostrada tratto Faenza-Imola. Da ultimo sono state mostrare in tribunale le immagini della scena del crimine dalle quali è possibile appurare che la vittima era stata aggredita nel letto della sua camera posta all'ultimo di tre livelli della casa. Ed era stata colpita pure lungo le scale, imbrattate da copiose tracce di sangue e ciocche di capelli.

in aula le foto del ritrovamento del cadavere
in aula le foto del ritrovamento del cadavere
136 CONDIVISIONI
36 contenuti su questa storia
Omicidio di Ilenia Fabbri, confermati gli ergastoli per l’ex marito e il sicario
Omicidio di Ilenia Fabbri, confermati gli ergastoli per l’ex marito e il sicario
La storia di Ilenia Fabbri, uccisa da un sicario per un’auto e 20mila euro in contanti
La storia di Ilenia Fabbri, uccisa da un sicario per un’auto e 20mila euro in contanti
Omicidio Ilenia Fabbri, il giudice: "Uccisa perché voleva vedersi riconosciuti i suoi diritti"
Omicidio Ilenia Fabbri, il giudice: "Uccisa perché voleva vedersi riconosciuti i suoi diritti"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni