711 CONDIVISIONI
Incidente ferroviario a Brandizzo, ultime news

“Non si può morire così”, parlano i familiari delle 5 vittime di Brandizzo

Sono increduli e costernati i parenti delle vittime di Brandizzo, dove nella notte sono morti 5 operai travolti da un treno in corsa durante il turno di lavoro. “Non si può morire così” ha dichiarato la cugina di Kevin Laganà, la vittima più giovane.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
711 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incidente ferroviario a Brandizzo, ultime news

Mentre l'indagine su quanto accaduto a Brandizzo continua, i parenti dei 5 operai deceduti iniziano a fare i conti con le macerie delle loro famiglie distrutte. Michael, Giuseppe Sorvillo, Giuseppe Lombardo, Giuseppe Aversa e Kevin, l'operaio più giovane tra quelli morti durante la notte, stavano lavorando sui binari della ferrovia alle porte di Torino e si occupavano di manutenzione. Insieme a loro altri due operai, fortunatamente salvi.

I cinque sono morti sul colpo, travolti da un treno che andava a 160 km/h. Secondo Ferrovie dello Stato, i lavori avrebbero dovuto iniziare dopo il passaggio del convoglio. Alla base dell'incidente vi sarebbe stato quindi un errore di comunicazione tra il team di operai e quello che avrebbe dovuto informare i saldatori del passaggio del treno. 

I parenti di Kevin Laganà, 22 anni: "Ora dobbiamo dirlo al padre"

"Kevin lavorava da due anni, non si può morire così" hanno dichiarato i familiari dell'operaio 22enne originario della Sicilia. Il giovane lavorava dal 2019, dopo aver preso il diploma di maturità. Da sempre molto legato al padre e alla nipotina, dedicava la maggior parte dei suoi post sui social alla famiglia.

"Adesso – continua la cugina della vittima – dobbiamo dirlo al padre e al fratello che ancora non ci credono. Kevin era una persona affettuosa e meravigliosa, educato e onesto lavoratore. Guadagnava i suoi soldi da quando aveva 18 anni, aveva un sorriso brillante e tanta voglia di vivere. Assurdo sia tutto finito così".

La cugina Cinzia ha ricordato il 22enne residente a Vercelli, ancora incredula per quanto successo al giovane. "Non ci hanno dato alcuna spiegazione per il momento. Il papà e il fratello sono distrutti e non ci vogliono credere" ha concluso in lacrime.

Kevin Laganà, 22 anni
Kevin Laganà, 22 anni

I familiari di Michael Zanera, 34 anni: "Un ragazzo sveglio e intelligente"

Immagine

Anche i familiari di Michael Zanera hanno rilasciato delle dichiarazioni alla stampa. Del 34enne si è parlato molto: l'operaio, infatti, è l'autore della maggior parte dei video fatti alla stazione di Brandizzo e postati poco prima della tragedia. "Era un ragazzo sveglio, intelligente e gli piaceva troppo quel lavoro – ha raccontato lo zio dell'operaio -. Ci siamo sentiti recentemente, mi ha detto che doveva fare la notte. A volte faceva anche il doppio turno, così mi diceva. Glielo facevano fare perché doveva recuperare, diceva".

Lo zio ha ricordato anche l'infanzia del nipote, quando passavano i pomeriggi insieme in attesa che sua madre tornasse dal lavoro. "Quando mia sorella lavorava l'ho cresciuto io, è stato il mio primo nipote e gli volevo un sacco di bene".

"Siamo sempre usciti insieme – aggiunge -, era molto attaccato al lavoro. Un ragazzo in gamba e volenteroso, anche se sapeva che certe cose non andavano bene. Cercava di far finta di niente, si sforzava e andava avanti sul lavoro".

711 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni