1.280 CONDIVISIONI
Covid 19
1 Settembre 2020
11:56

Modena, operaio di 23 anni rifiuta di fare il tampone: il datore di lavoro spara colpo a salve

Tragedia sfiorata a Modena: un imprenditore cinese di 38 anni di Concordia sulla Secchia ha sparato un colpo a salve contro un suo dipendente, un operaio di origine afghana di 23 anni, che aveva rifiutato di sottoporsi a tampone. Il giovane ha poi chiamato i carabinieri che hanno denunciato il titolare dell’impresa per minaccia aggravata.
A cura di Ida Artiaco
1.280 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tragedia sfiorata a Modena, dove un imprenditore cinese di 38 anni, titolare di un'azienda che lavora per il settore biomedicale, ha sparato un colpo a salve contro un suo dipendente, un operaio di origine afghana di 23 anni, che aveva rifiutato di sottoporsi a tampone per rilevare o meno l'infezione da Coronavirus. È successo, come scrive La Gazzetta di Modena, a Concordia sulla Secchia. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, il datore di lavoro, prima di riprendere il dipendente in azienda, voleva che il ragazzo si sottoponesse al test anti-Covid. Ma al rifiuto di quest'ultimo al suo rifiuto è scoppiata una lite, al termine del quale l'imprenditore ha preso una pistola e ha sparato un colpo a salve per intimorirlo.

Il 23enne aveva infatti già lavorato in precedenza per l'azienda, poi se n'era andato, mantenendo comunque dei rapporti. Nei giorni scorsi è tornato dal suo ex datore di lavoro per chiedere di essere di nuovo assunto. L'imprenditore ha accettato, ma a patto però che si sottoponesse a un tampone. Al suo rifiuto è nata una furibonda lite, dopo la quale il 38enne ha impugnato una pistola scacciacani. L'operaio ha chiamato i carabinieri della compagnia di Concordia che hanno denunciato il titolare dell'azienda per minaccia aggravata. I militari hanno provveduto a sequestrare la pistola e le munizioni. In Emilia Romagna ci sono 117 nuovi casi di Covid-19 in più rispetto a ieri, con 6.132 tamponi,, di cui 57 asintomatici. Proprio a Modena e provincia, su 10 nuovi casi, quattro sono di ritorno da altre regioni italiane (di cui due dalla Sardegna), due sono di rientro dall'estero (Islanda e Ucraina), uno è un contatto di un positivo già noto mentre i rimanenti tre hanno effettuato il tampone per presenza di sintomi.

1.280 CONDIVISIONI
28173 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni