209 CONDIVISIONI

Mirella morta dopo operazione per alluce valgo, condannati tre medici: “Non hanno considerato i rischi”

Mirella Bonatti fu uccisa da una infezione che si estese rapidamente fino a trasformarsi in sepsi mortale dopo una operazione per la correzione di alluce valgo in una clinica privata accreditata di Bologna. In Appello condannati tre i medici a sette mesi di reclusione con pena sospesa.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
209 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Tre medici bolognesi sono stati condannati in appello per la morte di Mirella Bonatti, la donna deceduta sette anni fa dopo una operazione per alluce valgo che sembrava poco rischiosa. La pensionata fu operata per la correzione di alluce valgo il 2 febbraio del 2016 in una clinica privata accreditata di Bologna ma per lei quello fu l’inizio di un calvario che si concluse con il suo decesso avvenuto a Imola nell’estate dello stesso anno.

Mirella Bonatti, 75 anni, fu uccisa da una infezione che si estese rapidamente fino a trasformarsi in sepsi mortale. Per la sua morte sono finiti a processo tre medici, due coinvolti direttamente nell’operazione alla donna e il terzo che si occupò, con gli altri due, del decorso post operatorio nel centro medico ortopedico emiliano. I tre si sono difesi sostenendo che la morte della paziente non poteva essere collegata all’intervento, essendo avvenuta molti mesi dopo. In primo grado il giudice aveva accolto la loro tesi e assolto tutti e tre gli imputati ritenendo l’infezione non direttamente collegata all’operazione per alluce valgo.

Una sentenza contro la quale si erano appellati sia gli avvocati della parte civile, che rappresentano marito e figlia della 75enne, sia il pm che rappresentava l’accusa, il procuratore aggiunto Francesco Caleca. La quarta sezione penale della Corte di appello di Bologna gli ha dato ragione, stabilendo che vi è stato invece un nesso causale tra i due eventi.

La decisione è arrivata dopo un processo di secondo grado lungo un anno che ha visto il giudice disporre anche una nuova perizia medico-legale. La sentenza alla fine ha condannato tutti e tre i medici a sette mesi di reclusione con pena sospesa. Gli imputati condannati anche al pagamento delle spese legali e ad una provvisionale di 150mila euro ciascuno per il marito e la figlia della donna.

Agli imputati contestato a vario titolo di non aver considerato fattori di rischio che consigliavano di rinviare l'operazione, peraltro di non certa utilità terapeutica, e di non aver prescritto poi una profilassi né pre-operatoria né dopo l’intervento, nonostante fattori di rischio quali il diabete e una insufficienza renale. Sarebbero inoltre stati sottovalutati elementi clinicamente significativi dell’infezione già in atto, per cui non fu mai prescritta una adeguata terapia antibiotica.

209 CONDIVISIONI
Uccise moglie malata “per non farla soffrire”, condannato a 6 anni. Giudici: "Va considerato altruismo"
Uccise moglie malata “per non farla soffrire”, condannato a 6 anni. Giudici: "Va considerato altruismo"
Laura muore a 37 anni, medici fanno nascere il bimbo che portava in grembo da 8 mesi
Laura muore a 37 anni, medici fanno nascere il bimbo che portava in grembo da 8 mesi
Donna morta in strada e 3 bimbi morti in auto in fiamme, polizia scopre strage: arrestato 29enne
Donna morta in strada e 3 bimbi morti in auto in fiamme, polizia scopre strage: arrestato 29enne
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views