15 Giugno 2022
11:44

Gli scatti di Irene e Adriano contro i pregiudizi fanno il giro del mondo: “Niente arriva per caso”

Dopo dieci anni di lavoro, la prima pubblicazione internazionale con un progetto che vuole rendere omaggio a tutti coloro che in Europa e nel mondo promuovono i diritti delle persone LGBTQI+ e lottano contro la discriminazione e i pregiudizi. #Mipiacciocosì di Irene Scaringi con Adriano Sannicandro è in copertina di SELIN.
A cura di Daniele Balestreri
Adriano Sannicandro
Adriano Sannicandro

Io in quel momento sono scoppiata a piangere dalla gioia” racconta Irene Scaringi ai microfoni di Fanpage.it. Fotografa e make-up artist, non si aspettava di ricevere una risposta dal prestigioso magazine internazionale SELIN, che ha sede in Olanda. Irene Scaringi abita a Trani ed è una ragazza solare e intraprendente: “Ho avuto tantissime soddisfazioni, ma me le son sudate, niente è arrivato per caso”, ci racconta. Dopo dieci anni di lavoro, la prima pubblicazione internazionale con un progetto che vuole rendere omaggio a tutti coloro che in Europa e nel mondo promuovono i diritti delle persone LGBTQI+ e lottano contro la discriminazione e i pregiudizi.

Il progetto contro l'omofobia

#Mipiacciocosì è un progetto fotografico contro l’omofobia. Ha come protagonista Adriano Sannicandro, 27 anni, modello e cantautore. “Ho ricevuto un messaggio da Irene in direct” ci racconta, “ero spaventato perché mi chiedeva di essere fotografato con un trucco”. Il messaggio è chiaro: “Se oggigiorno un ragazzo vuole truccarsi da donna può farlo senza avere paura dei pregiudizi altrui”, ci dice Irene. Un inno alla libertà, alla bellezza, alla possibilità di essere come si vuole e quando si vuole.

Irene Scaringi e Adriano
Irene Scaringi e Adriano

La vetrina 

SELIN è un magazine internazionale, con sede a Amsterdam, che racconta la moda e la bellezza attraverso le storie personali. Sui social, la rivista è molto seguita dagli addetti ai lavori, con oltre 250k follower. In questi anni, raccontando l’umanità senza distinzione di etnia, nazionalità o età, ha venduto quasi 8000 copie in tutto il mondo.

Un messaggio da Trani al mondo

Io sono ancora incredulo – ha raccontato il modello – devo ancora concretizzare. Vedere copertine con il mio nome, con la mia faccia, è stato scioccante”. Indipendentemente dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere, ognuno deve sentirsi libero di essere chi vuole essere, di svolgere il ruolo che più gli piace, senza etichette o categorie. “Il fatto di dare voce, anzi volto, alla minoranza genderfluid per me era importante” ha continuato Adriano Sannicandro. Un urlo, come amano entrambi definirlo, che squarcia il silenzio del pregiudizio e che merita l’attenzione internazionale.

 

Vive in strada con il compagno malato:
Vive in strada con il compagno malato: "Il Comune non mi dà una casa, forse perché sono trans?"
453.075 di Chiara Daffini
Usa, la polizia uccide un 23enne afroamericano:
Usa, la polizia uccide un 23enne afroamericano: "È stata una orribile esecuzione". Il video
Arriva la nazionale curvy di calcio:
Arriva la nazionale curvy di calcio: "Ogni donna può fare qualsiasi sport oltre i pregiudizi"
965.326 di Fanpage.it Milano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni