Temporali intensi si sono abbattuti sul cuore della Liguria questa mattina all'alba. Il peggioramento delle condizioni meteo – dovuto alla perturbazione proveniente dall'Europa Centrale – è arrivato intorno alle quattro del mattino, con un temporale violento che ha colpito il Ponente e che poi ha toccato tutta la costa con pioggia torrenziale e vento forte. A Genova e Savona, dove è stata diramata l'allerta rossa, una tempesta di fulmini e acqua è iniziata quasi contemporaneamente, poco prima delle 5. Esondati due torrenti nel savonese, poi rientrati negli argini. Vento forte con raffiche fino a 118 chilometri orari. La Protezione Civile segnala allagamenti nell'area dell'aeroporto di Genova. L'allerta è arancione nel levante e nel ponente ligure. Il peggiorare delle condizioni meteorologiche ha portato la Protezione Civile regionale ligure a trasformare da arancione a rossa l'allerta meteo sulle zone centrali della regione, ovvero  le province di Savona e Genova, dove  "le scuole resteranno chiuse", ha comunicato l'assessore alla Protezione civile.

Meteo, le condizioni nel resto d'Italia: sole al centrosud

Quella di oggi sarà una giornata di maltempo al Nord-Ovest con piogge e temporali localmente intensi e il rischio di nubifragi su Liguria, alto Piemonte e alta Lombardia. Al centro-sud e sulle isole condizioni decisamente migliori con  sole con un clima eccezionalmente mite: possibili picchi vicini ai 30 gradi sulla Sardegna occidentale. "La perturbazione numero 7 di ottobre, responsabile del maltempo che dalla serata di domenica interessa soprattutto le regioni di Nord-Ovest, insisterà in queste regioni fino a martedì mattina; sono attesi entro martedì accumuli di pioggia significativi che localmente potranno toccare picchi di 150-200 litri al metro quadrato. Grazie a un promontorio di alta pressione – hanno spiegato i meteorologi di Meteo Expert – il tempo sarà più stabile e asciutto invece su Venezie, Emilia Romagna centro-orientale e regioni del Centro-Sud; le giornate saranno soleggiate soprattutto nelle regioni centrali e meridionali con tra l'altro un clima molto mite per la stagione, se non addirittura caldo con temperature di diversi gradi oltre la norma: non esclusi picchi vicini ai 30 gradi in Sardegna occidentale".