Sono finalmente online da martedì 5 giugno, sul sito del Miur, i nomi dei commissari delle commissioni esterne degli esami di maturità 2018. Dopo giorni di attesa, gli oltre 500mila studenti che a partire dal prossimo 20 giugno saranno impegnati nelle prove, tra scritto e orale, che li condurranno al diploma possono informarsi sui docenti, in arrivo da altri istituiti, che dovranno valutarli. Trovarli è facile: basta connettersi alla piattaforma indicata e inserire il nome o l'indirizzo della propria scuola all'interno del motore di ricerca interno, oppure digitare il nome del professore designato. Tuttavia, tra la pubblicazione degli elenchi e l'effettiva assegnazione dei posti disponibili bisognerà aspettare ancora qualche giorno, perché è possibile che gli insegnanti non accettino l'incarico. In questo caso, toccherà al Direttore generale o al dirigente preposto all'Ufficio Scolastico sostituirli.

I più fortunati hanno potuto avere un'anticipazione relativa alle commissioni esterne degli esami di maturità, dato che sono state pubblicate sempre online nei giorni scorsi da alcuni uffici scolastici provinciali, tra cui quelli di Napoli, Caserta, Belluno, Agrigento, Catania, Bergamo, Cremona, Matera Macerata, Potenza, Roma e Viterbo. Da oggi, tuttavia, tutti i maturandi d'Italia potranno cercare su internet e all'interno dei gruppi Facebook dedicati informazioni aggiuntive sui docenti che dovranno valutarli. Si ricorda che le commissioni d'esame, che si insedieranno il prossimo 18 giugno, anche per quest'anno saranno miste, metà composte da professori esterni e metà da interni.  In totale, si tratta di 6 commissari e un presidente di commissione esterno. Il Consiglio d'Istituto nomina i commissari interni mentre sono selezionati dal Miur i nomi degli esterni. I commissari possono interrogare su tutte le materie per le quali sono abilitati. Quest’anno, in particolare, le commissioni saranno 12.865, per un totale di 25.606 classi coinvolte. Ad oggi sono 509.307 le studentesse e gli studenti iscritti all’Esame, fatti salvi gli esiti degli scrutini finali.

Con la pubblicazione dei nomi delle commissioni esterne comincia ufficialmente il conto alla rovescia per la maturità 2018, che comincerà mercoledì 20 giugno con la prima prova d'italiano, per le quali è già partito il toto-tracce. Il giorno successivo gli studenti saranno impegnati con la seconda prova, quella di indirizzo: le materie sono greco per il liceo classico, matematica per lo scientifico, scienze umane  per il Liceo delle Scienze umane, economia aziendale per l’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing degli Istituti tecnici, Scienza e cultura dell’alimentazione per l’indirizzo Servizi enogastronomia e ospitalità alberghiera degli Istituti professionali. Poi la temuta terza prova, il cosiddetto quizzone, e infine gli orali, le cui date cambiano a seconda dei singoli istituti. Quest'anno la novità è l'introduzione della quarta prova, che si effettua nei Licei e negli Istituti tecnici presso i quali sono presenti i progetti sperimentali di doppio diploma italo-francese Esabac ed Esabac Techno e nei Licei con sezioni ad opzione internazionale spagnola, tedesca e cinese, programmata per giovedì 28 giugno alle 8.30.