539 CONDIVISIONI
Marò in India
9 Settembre 2018
22:02

Marò: si riapre il processo al tribunale dell’Aja, il ministro Trenta incontra i militari

In vista delle decisive udienze al tribunale dell’Aja, che stabilirà finalmente chi ha la giurisdizione sul caso e cioè quale Stato, tra Italia e India, dovrà processare i marò per il caso dei due pescatori uccisi nel Kerala, i due fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone incontreranno il ministro della difesa Elisabetta Trenta.
A cura di Antonio Palma
539 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Marò in India

Dopo mesi di silenzio, la vicenda dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone ritorna al centro dell'agenda del governo italiano. I due  fucilieri della Marina militare, accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiandoli per pirati durante missione antipirateria al largo delle coste nello stato indiano del Kerala nel 2012, nelle prossime ore infatti saranno ricevuti dal ministro della difesa Elisabetta Trenta per fare il punto della situazione sul loro delicato e intricato caso. L'appuntamento è fissato  per lunedì alle ore 11 nella sede del ministero della Difesa. Ad annunciarlo è stata la stessa rappresentante del governo in tweet. " Vi terrò aggiornati" ha annunciato la ministra. Era stato il parlamentare di Forza Italia Elio Vito a lamentare che nessun esponente del nuovo governo aveva ancora incontrato i marò "alla vigilia di udienze decisive del Tribunale internazionale che decide la competenza sul caso.

In effetti l'occasione per tornare a parlare della vicenda marò mai risolta è la ripresa del decisivo processo davanti  al tribunale dell'Aja, prevista per il mese di ottobre. L'incontro tra Ministro e militari infatti è stato programmato proprio in vista  della prima udienza al Tribunale internazionale dell'Aja che dovrà decidere chi ha la giurisdizione sul caso e cioè quale Stato, tra Italia e India, dovrà processare i due marò. Dal 22 ottobre le udienze dovrebbero tenersi per una settimana circa, ma per vedere la  sentenza i due fucilieri, rientrati in Italia nel 2014 e nel 2016 dopo essere stati confinati nell’ambasciata italiana di New Delhi, dovranno aspettare almeno la primavera del 2019. Una decisione  da cui dipende  l'intera vicenda  che ormai si trascina da anni anche se un ritorno di Latorre e Girone in India appare improbabile.

Il caso dei due marò Latorre e  Girone

I due marò, imbarcati sul mercantile italiano Enrica Lexie per un servizio antipirateria, furono arrestati dalle autorità indiane nel febbraio del 2012 con l'accusa di omicidio volontario: avrebbero scambiato un barchino di pescatori che si avvicinava alla nave italiana per pirati e avrebbero aperto il fuoco uccidendo due persone a bordo. Costretti a scendere dalla nave e posti agli arresti, Girone e Latorre furono costretti a rimanere  in stato di fermo  in India per lungo tempo e la loro vicenda innescò un duro  braccio di ferro tra Italia e India . Solo nel 2014, a causa di un ictus Latorre ebbe l’autorizzazione dalle autorità indiane a tornare in Italia. Per Girone  l'ok arrivò solo nel 2016 per "ragioni umanitarie". Rientrati  in Italia, i due sono stati trasferiti ad altri incarichi,  l’uno presta servizio a Roma, il collega alla capitaneria di porto di Bari; entrambi con l’obbligo di non lasciare l’Italia.

539 CONDIVISIONI
Marò in India
15 contenuti su questa storia
Caso Marò, Massimiliano Latorre chiede i danni allo Stato: pronto a causa civile in Tribunale
Caso Marò, Massimiliano Latorre chiede i danni allo Stato: pronto a causa civile in Tribunale
I marò spararono convinti di essere sotto attacco di pirati. Per questo l'inchiesta è stata archiviata
I marò spararono convinti di essere sotto attacco di pirati. Per questo l'inchiesta è stata archiviata
Il caso Marò: il gip di Roma archivia l'inchiesta su Latorre e Girone
Il caso Marò: il gip di Roma archivia l'inchiesta su Latorre e Girone
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni