Il maltempo che si è abbattuto sull’Italia sta provocando molti disagi in diverse zone della penisola. Particolarmente critiche le situazioni a Matera, dove si segnalano strade allagate e disagi alla circolazione stradale, e a Venezia a causa dell’acqua alta. Oggi allerta rossa maltempo per Calabria, Basilicata e Sicilia. Arancione in Puglia, gialla in altre dieci regioni. Una tromba d'aria ha colpito la notte scorsa il Metapontino, la zona jonica lucana, in provincia di Matera: sono caduti alberi e pali della pubblica illuminazione e arrivate decine di chiamate ai vigili del fuoco. Già nella giornata di ieri le previsioni che annunciavano forte maltempo avevano portato alla chiusura delle scuole disposta dai sindaci in diversi comuni.

Maltempo, nubifragio a Matera: strade diventano fiumi di fango

Grossi disagi a Matera per il maltempo. Si segnalano strade come fiumi e di conseguenza disagi per la circolazione stradale. I maggiori problemi in città sono stati segnalati in via Lucana. Fiumi d'acqua, inoltre, si sono riversati nei Sassi e in alcune vie la violenza dell'acqua è penetrata con molta forza in alcune abitazioni provocando danni. Le basole di via Bruno Buozzi si sono staccate dal suolo e sono arrivate in piazza San Pietro Caveoso. Questa mattina a Matera è stato attivato il numero verde 800.262667 della Protezione civile comunale per raccogliere le richieste di intervento e le segnalazioni da parte dei cittadini. Il maltempo ha provocato danni ad alcuni tetti, con i problemi maggiori segnalati tra Policoro, Scanzano Jonico e Montalbano. La pioggia intensa ha causato uno smottamento sulla strada provinciale 3, nei pressi di Ferrandina.

Maltempo, disagi al Sud: allerta in diverse regioni

Allagamenti a causa delle forti piogge anche in Puglia. Ad Adelfia sono cadute le luminarie della festa di San Trifone. Decine di sindaci già da ieri sera e anche oggi hanno emesso ordinanze di chiusura delle scuole. Disagi per la pioggia forte e il vento segnalati anche a Taranto e continua l’allerta meteo in Sicilia. Da ieri le Eolie sono isolate per il forte vento di scirocco. Aliscafi e traghetti sono fermi.

A Venezia acqua alta

Questa mattina a Venezia e a Chioggia, intorno alle 5.30, sono state fatte suonare le sirene d'allarme che hanno avvisato la popolazione dell'arrivo acqua alta. Alle 10.20 la marea si è fermata a 127 centimetri. Il massimo registrato in mare è stato di 137 centimetri. Restano  confermate le previsioni di acqua alta molto sostenuta, con il prossimo massimo previsto per stasera alle 23 con 140 centimetri. Un altro picco di 145 centimetri è invece previsto per le 10,25 di domani. La situazione meteorologica viene definita "altamente dinamica" e quindi suscettibile di variazioni. Il maltempo interessa tutto il Veneto con piogge sia in pianura che in montagna.