23 Maggio 2022
20:12

L’Etna dà spettacolo con una colata lavica, l’Ingv tranquillizza: “Attività modesta, nessun disagio”

Il 12 e il 20 maggio sul cratere di Sud-Est (SE) dell’Etna si sono aperte due bocche che hanno dato vita a due colate sulla desertica Valle del Leone. Una bocca non è più alimentata, mentre l’altra colata è arrivata intorno ai 2800 metri sul livello del mare. Ogni tanto, sbuffi e pennacchi anche da una bocca sulla sommità del SE.
A cura di Luisa Santangelo
Etna in eruzione (foto di Boris Behncke – INGV)
Etna in eruzione (foto di Boris Behncke – INGV)

Delle due bocche effusive che si sono aperte il 12 e il 20 maggio sul cratere di Sud-Est dell'Etna, ne è rimasta attiva una soltanto. La colata di lava che alimenta è lunga appena qualche centinaio di metri e finisce nella Valle del Leone, un altro dei deserti del vulcano siciliano. È questa l'ultima notizia a proposito di questa fase di attività dell'Etna, cominciata il 12 maggio e ancora capace di tenere gli occhi dei catanesi con lo sguardo puntato sulla montagna. E sulle eventuali emissioni di cenere. Come quella immortalata all'alba di oggi, che però "era impalpabile", per usare l'espressione di Stefano Branca, direttore dell'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania.

"Siamo di fronte alla classicissima attività eruttiva sommitale dell'Etna – spiega Branca a Fanpage.it – Le variazioni di intensità provocano anche emissioni di cenere che, come in questo caso, rimane sospesa in atmosfera senza causare disagi alla popolazione". La cenere arriva da una bocca in cima al cratere di Sud-Est, il più attivo dell'Etna, nonché quello che in questi giorni dà vita a sporadiche esplosioni stromboliane, di intensità variabile.

Etna in eruzione (foto di Boris Behncke – INGV)
Etna in eruzione (foto di Boris Behncke – INGV)

A quel puntino rosso centrale, però, bisogna aggiungere anche quello dell'ormai unica bocca effusiva a circa 3250 metri sul livello del mare, sul fianco nord del Sud-Est. La prima bocca si è aperta il 12 maggio, mentre otto giorni dopo, nella stessa area, si è aperta una seconda bocca dello stesso tipo: effusiva, capace di alimentare una piccola colata. "Al momento ne rimane alimentata una soltanto – prosegue Branca – con una colatina che arriva fino a circa 2800 metri e visibile solo dal versante nordorientale del vulcano".

"Quest'attività è del tutto modesta, per non dire altro", afferma Branca. Non solo per la qualità degli spettacoli ai quali l'Etna ha abituato i catanesi con i pennacchi di cenere al tramonto o le spettacolari fontane di lava in notturna. "Ma soprattutto per l'intensità – conclude il direttore dell'Ingv di Catania – Basta pensare, in confronto, ai due episodi di fontane di lava di febbraio 2022 e all'attività di tutto il 2021". Anno in cui l'Etna ha mostrato l'energia dei suoi quattro crateri sommitali, attivi tutti contemporaneamente, come non accadeva almeno dagli anni Novanta.

Mamma va in classe e dà testata alla 14enne: “Bullizzava mia figlia, a scuola nessuno faceva nulla”
Mamma va in classe e dà testata alla 14enne: “Bullizzava mia figlia, a scuola nessuno faceva nulla”
Oroscopo del 10 gennaio 2023
Oroscopo del 10 gennaio 2023
Verona, atterraggio di emergenza per un volo proveniente da Londra
Verona, atterraggio di emergenza per un volo proveniente da Londra "Fumo nella cabina di pilotaggio"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni