1.973 CONDIVISIONI

La storia di Natascha Kampusch, fuggita dall’aguzzino che la teneva segregata da 8 anni

Il 2 marzo del 1998, la piccola Natascha Kampusch, 10 anni, è stata rapita mentre andava a scuola a piedi a Strasshof, in Austria. Dopo 8 anni di segregazione, sevizie e abusi sessuali, Il 23 agosto del 2006, è riuscita a fuggire. Il suo aguzzino, Wolfgang Přiklopil si è suicidato dopo la fuga.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Angela Marino
1.973 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Profondo Giallo

Il 2 marzo del 1998, la piccola Natascha Kampusch, 10 anni, fu rapita mentre andava a scuola a piedi a Strasshof, in Austria. Il suo sequestratore, il tecnico elettronico Wolfgang Přiklopil l'ha tenuta segregata per otto anni. Il 23 agosto del 2006, Natascha è riuscita a fuggire. Ecco la sua storia.

1998, l'anno del rapimento

Il 1998 fu l'anno dell'arresto del dittatore cileno Augusto Pinochet, della prima visita apostolica di Papa Giovanni Paolo II a Cuba, dell'ennesima accusa di molestie sessuali per il presidente americano Bill Clinton, da parte giornalista della Paula Jones. Al cinema davano il colossal Titanic, interpretato da un giovane Leonardo Di Caprio che con quella performance diventava l'idolo delle adolescenti di mezzo mondo.

Natascha, dieci anni, non era ancora nella folta schiera di teenager che facevano la collezione delle foto di Leo. Alla sua età, con i genitori freschi di divorzio, stava ancora cercando di capire il proprio posto nel mondo, di rimettere insieme i pezzi della mappa affettiva che la separazione aveva mandato in pezzi come un vaso rotto. La bionda ragazzina con gli occhi del colore dell'acqua si trovava in quella fase in cui la personalità comincia a delinearsi, la tenera fiducia infantile nel prossimo fa posto a una inspiegabile rabbia.

Il rapimento

Il bisogno di affermare un senso di indipendenza la spinse a chiedere a sua madre il permesso di andare a scuola da sola, a piedi. A Strasshof, minuscolo borgo a 42 minuti da Vienna, le famiglie lasciavano andare i giovani studenti a lezione da soli, senza alcun timore. La mattina del 3 marzo fu la prima volta di Natascha: la ragazzina camminava rigida sul marciapiede, con lo sguardo basso, spaventata ma fiera di quella conquista. Lungo il tragitto notò un uomo con i capelli castani, magro, ossuto, che la squadrava in piedi accanto a un furgoncino chiaro. Natascha provò un irrazionale terrore, ma proseguì senza esitare, convinta che quella era solo una delle sue tante irrazionali paure infantili da superare.

Quando gli fu vicino l'uomo l'afferrò, la coprì con un plaid e la trasse dentro il furgone. In quel momento la vita di Natascha si fermò: gli umori instabili della preadolescenza, le liti con la mamma, la panetteria del papà, i giocattoli nell'armadio, il vestito a quadretti blu, tutto si appiattì in un appannato passato. Il minivan percorse solo qualche chilometro e poi si fermò davanti a una villetta unifamiliare nel verde della cittadina austriaca. Natascha fu gettata in uno scantinato.

D'ora in poi devi chiamarmi ‘maestro'

Wolfgang Přiklopil, un aguzzino sadico

Dopo qualche ora la polizia bussò alla porta del tecnico elettronico, Wolfgang Přiklopil, uno dei tanti proprietari di un furgoncino di colore chiaro che gli agenti stavano interrogando dopo il rapimento di una ragazzina. Un dodicenne aveva testimoniato di aver visto un uomo alla guida del mezzo di colore chiaro portare via Natascha con la forza. Il trentaseienne spiegò che quel piccolo furgone gli era servito per andare a depositare i materiali di scarto prodotti durante i lavori di ristrutturazione della propria casa. Pochi metri sotto i loro piedi Natascha respirava forte, ma nessuno degli agenti chiese di ispezionare la casa.

La segregazione

Cominciò in quel momento la segregazione di Natascha Kampusch. Mentre tutta l'Austria la cercava, la bambina viveva un'esistenza da prigioniera nel seminterrato di un uomo sadico e asociale. Fissato con l'igiene, la costringeva a tenere quel loculo che usava come rifugio, pulito come uno specchio. Le diede dei libri da leggere, si occupava della sua istruzione, dei suoi pasti. Magro fino all'anoressia la voleva emaciata e esile, così da non poter opporre resistenza alle botte, ma anche perché potesse incarnare il modello femminile che lo attraeva sessualmente.

Le sevizie

Natascha fu costretta a lunghi digiuni perché perdesse peso. Il maestro decideva quando doveva mangiare, bere e dormire. La costringeva a stare al buio con un ventilatore acceso tutto il giorno e le permetteva di uscire dal bunker regolarmente per fare le pulizie di sopra. Le rasò i capelli e le diede un foulard da avvolgere intorno alla testa per coprire la calvizie. Natascha era in tutto e per tutto una prigioniera di un lager: privata del cibo, picchiata con calci e pugni in testa costretta – a dieci anni – a soddisfare le perversioni sessuali del suo aguzzino.

Nuovi scenari

Provò a suicidarsi diverse volte, ma non ci riuscì. Passarono anni senza che nessuno dei vicini sospettasse che nella pace delle villette nelle campagne verso la Slovacchia, si nascondesse un simile orrore. E mentre Natascha diventava prima una ragazza e poi una donna nelle mani del suo sequestratore, i suoi genitori si rassegnavano all'idea che fosse morta e non l'avrebbero più rivista. Con il passare degli anni, certo della sudditanza psicologica affermata sulla ragazza, Přiklopil cominciò a permetterle di uscire più spesso dal rifugio. Le permise di dormire con lui nel suo letto, di uscire in giardino sorvegliata, di fare qualche piccola gita fuori insieme a lui. In quel periodo Natascha poteva anche leggere il giornale e seguiva con silenzioso interesse le notizie che riguardavano la sua scomparsa.

La fuga dalla casa degli orrori

Poi venne un giorno di agosto, Natascha aveva 19 anni, era magra e scarna, ma in salute. Il maestro, le chiese di lavargli l'auto parcheggiata in giardino, lei obbedì, come sempre. Non era la prima volta che godeva di una ‘semilibertà', ma da qualche tempo qualcosa in lei si era rotto. Lui ricevette una telefonata sul cellulare, si allontanò di qualche metro dall'auto. Senza riflettere un solo secondo, Natacha varcò il cancello aperto e corse fortissimo fino al giardino più vicino. Sotto choc, fermò a uno sconosciuto e gli disse: "Sono Natascha Kampusch".

Il suicidio del rapitore

Appena si accorse della fuga della sua prigioniera Přiklopil capì che aveva le ore contate. Allora prese la sua auto e si diresse verso la vicina stazione ferroviaria. Da un'altra parte, assistita da psicologi e protetta dall'assalto di giornalisti e fotografi, Natascha ascoltava assente un agente che, con la massima delicatezza, le annunciava il suicidio del suo carceriere.

Dopo la fuga Natascha Kampush ha deciso di raccontare la propria storia. Il libro 3096 Tage (3096 giorni, in italiano), ha venduto oltre un milione di copie ed è stato tradotto in 25 lingue, fornendo anche il soggetto per il film omonimo 3096, uscito nel 2013. Non è mai riuscita a recuperare una vera normalità dopo la fuga, ha scelto di condurre una vita solitaria e appartata e ha dovuto combattere con il disturbo alimentare derivato dai prolungati digiuni forzati. A titolo di risarcimento per il danno subito ha ereditato la casa del suo aguzzino, dove ha trascorso la sua prigionia. Natascha la visita spesso, la tiene pulita e in ordine. La decisione, tanto discussa dall'opinione pubblica e dai media, per gli psicologi è, invece, solo un modo di elaborare il trauma di quella terrificante esperienza.

1.973 CONDIVISIONI
Immagine
Giornalista dal 2012, scrittrice. Per Fanpage.it mi occupo di cronaca nera nazionale. Ho lavorato al Corriere del Mezzogiorno e in alcuni quotidiani online occupandomi sempre di cronaca. Nel 2014, per Round Robin editore ho scritto il libro reportage sulle ecomafie, ‘C’era una volta il re Fiamma’.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Profondo Giallo
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views