Una discussione nata per futili motivi ha portato un 52enne italiano di Brescello (Reggio Emlia) ad aggredire la moglie colpendola con un martello. Pare che la donna non se la sentisse di svolgere faccende domestiche, come invece chiedeva il marito. A dare l’allarme al 112 la figlia maggiorenne della coppia che, informata telefonicamente dell’accaduto dalla madre, ha chiamato i carabinieri. L’uomo è stato arrestato per lesioni personali aggravate.

L'aggressione in casa a colpi di martello

I fatti sono avvenuti nella serata di ieri 27 settembre nel comune emiliano. I carabinieri della locale caserma sono intervenuti sul posto, trovando la donna, una cinquantenne, all’esterno della casa, con lesioni al volto,oltre che traumi alla gamba destra.  Trasportata con l’ambulanza in ospedale, è stata ricoverata e giudicata guaribile con una prima prognosi di 20 giorni. In casa è stato rinvenuto e sequestrato il martello usato per colpire la donna e rinvenuto nel ripostiglio. Il 52enne, italiano, è stato fermato dai carabinieri di Brescello: ha sostenuto di aver colpita la congiunta con uno schiaffo, ma l’evidenza dei traumi porta a tesi ben diverse.

Già aveva picchiato la moglie

Pare che non fosse la prima volta che il marito usa violenza contro la vittima. L’uomo avrebbe almeno in altre circostanze usato violenze nei confronti della consorte tanto che un anno fa la stessa donna – per quanto riferito ai carabinieri – pur non sporgendo denuncia era ricorsa alla cure in ospedale.  Ora è in arresto, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Deve rispondere di lesioni personali aggravate.