1.576 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Ottobre 2021
22:15

Ilaria Capua: “Bisognerà fare richiami, lunedì faccio terza del vaccino Covid”

Le parole della scienziata e direttore del centro di eccellenza One Health dell’Università della Florida, intervenendo al festival L’eredità delle donne, in corso a Firenze, durante il panel ‘conversazione intorno alla salute circolare’. “Vediamo che in alcuni casi il virus riesce a bucare l’immunità – ha aggiunto la Capua – e io non voglio neanche stare male”.
A cura di Biagio Chiariello
1.576 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

 La pandemia da Coronavirus "l'abbiamo messa in un recinto, questo mi sembra chiaro, è chiaro anche che bisognerà iniziare a fare le dosi di richiamo, perché pochissimi vaccini durano tutta la vita, quindi molti programmi di vaccinazione prevedono tre interventi, alcuni prevedono un intervento l'anno. Io mi sono già vaccinata contro l'influenza, e vi invito a fare altrettanto, e lunedì vado a fare la terza dose perché non voglio correre rischi". Lo ha detto Ilaria Capua, scienziata e direttore del centro di eccellenza One Health dell'Università della Florida, intervenendo al festival L'eredità delle donne, in corso a Firenze, durante il panel ‘conversazione intorno alla salute circolare'.

"Vediamo che in alcuni casi il virus riesce a bucare l'immunità – ha aggiunto Capua – e io non voglio neanche stare male, non voglio nemmeno avere una linea di febbre, perché ho i miei studenti e ho le mie attività che devo continuare a seguire".

L'esperta descrive le pandemie: "Sono eventi naturali che accadono, nel secolo scorso ce ne sono state quattro. Nel libro vorrei trasmettervi che a noi ci è capita questa, ai nostri genitori una guerra e ai nostri nonni due guerre. Come generazione cerniera tra il pre pandemia e il post pandemia dobbiamo mettere a frutto quello che abbiamo imparato e intraprendere percorsi nuovi di sostenibilità".

Ci siamo accorti che da un battito d'ali di pipistrello dall'altra parte del mondo può arrivare un'onda di distruzione che colpisce tutto – ha aggiunto -. Abbiamo scoperto che viviamo in un sistema chiuso in cui la salute delle persone è strettamente collegata alla salute di altri animali, degli altri inquilini del pianeta. Io penso che adesso abbiamo delle consapevolezza e delle nuove strade che possiamo intraprendere e dobbiamo farlo perché non dobbiamo tornare dove eravamo prima. Vorrei che lo smart working diventasse una forma di sostegno alla famiglia nel senso che si può lavorare bene lo stesso anche da remoto".

Per Capua, "se ci spostiamo di meno con le auto e usiamo il tempo per camminare e fare sport, invece che stare imbottigliati nel traffico, questa è una delle ramificazioni positive che un evento di questo tipo può avere. Il mio libro vuole essere una scossa, ognuno di noi deve fare il suo pezzetto".

1.576 CONDIVISIONI
29594 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni