372 CONDIVISIONI
3 Novembre 2021
17:48

Il nobel Giorgio Parisi: “Nucleare? Una Chernobyl in Val Padana farebbe milioni di morti”

Il nucleare non è da escludere ma l’installazione delle centrali andrebbe valutata da Paese in Paese: “Se Chernobyl fosse stata in Val Padana” avrebbe “provocato milioni di morti”. A dirlo è il nobel per la fisica Giorgio Parisi che in un’intervista a Corsera ha commentato le voci sempre più frequenti della possibilità di un ritorno o passaggio al nucleare per alcuni Paesi. E poi in merito alla possibilità di raggiungere l’obiettivo zero emissione ha spiegato che senza un piano preciso è un’illusione.
A cura di Chiara Ammendola
372 CONDIVISIONI
Giorgio Parisi
Giorgio Parisi

"Se Chernobyl fosse stata in Val Padana avrebbe provocato milioni di morti". A dirlo è il nobel per la fisica Giorgio Parisi che in un'intervista rilasciata a Corsera ha spiegato che il nucleare non è da escludere a priori ma il suo ritorno andrebbe valutato da Paese in Paese, perché una centrale nucleare in una zona deserta della Cina non può essere paragonata a una in Val Padana.

Il nobel italiano e studioso dei sistemi complessi ha parlato di transizione energetica spiegando come andrebbe gestito un eventuale passaggio al nucleare di cui si è tornato a parlare in tempi recenti e anche durante Cop26, a Glasgow: "Sulla questione bisogna guardare al rapporto danni-benefici e tutto dipende dal Paese – le parole del fisico – se Chernobyl fosse stata in Val Padana, con una popolazione molto superiore a quella zona dell’allora Urss, avrebbe provocato milioni di morti. In ogni caso è da escludere in Paesi come l’Italia densamente abitati". Posizione che lo pone lontano da quella del ministro Roberto Cingolani che invece si è detto favorevole a un eventuale passaggio al nucleare, per il quale si sta parlando anche di impianti nucleari a fissione di quarta generazione, che sarebbero più sicuri: "Adesso esistono solo prototipi – ha spiegato Parisi – che devono dimostrare la loro qualità; tuttavia sono sempre da escludere dove vive la gente. È diverso se i cinesi vogliono realizzarle in zone remote".

Ma l'Italia, secondo il fisico, non sembra aver fatto grandi passi avanti nemmeno per quanto riguarda le emissioni zero che sono state fissate dal G20 come obbiettivo da raggiungere nel 2050, ma che al momento sono un'illusione: "Ho l’impressione che le cose non siano ben capite e ritenute necessarie. Non vedo la gente che installa pannelli solari sui tetti. A Roma se facciamo una ricognizione, sui tetti vediamo più piscine che celle solari”. Il primo intervenuto andrebbe fatto secondo Parisi sulle abitudini dei cittadini, a Roma come a Hong Kong dove bisogna girare con il maglione di lana in metropolitana o in hotel anche in estate per proteggersi dal freddo: "Sono questi sprechi che bisogna eliminare".

372 CONDIVISIONI
Parte un video porno davanti al premio Nobel Parisi: imbarazzo al convegno del M5s in Senato
Parte un video porno davanti al premio Nobel Parisi: imbarazzo al convegno del M5s in Senato
Coppia da 63 anni, Antonietta e Pier Giorgio morti a poche ore di distanza dopo una vita insieme
Coppia da 63 anni, Antonietta e Pier Giorgio morti a poche ore di distanza dopo una vita insieme
Capodanno 2022 il più caldo degli ultimi 100 anni: sulle Alpi fino a 10 gradi sopra la media
Capodanno 2022 il più caldo degli ultimi 100 anni: sulle Alpi fino a 10 gradi sopra la media
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni