Tracce di hashish e cocaina nel sangue. Per questo motivo una bambina di 9 mesi, figlia di una coppia residente a Poggio a Caiano, in provincia di Prato, è stata ricoverata mercoledì 21 agosto all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze. I genitori devono ora rispondere di lesioni colpose e detenzione di sostanze stupefacenti. Come riporta il Tirreno, è stato proprio la coppia a portare la figlioletto all'ospedale di Prato mercoledì: “L’abbiamo trovata con un pezzetto di hashish in bocca, l’ha raccolto in un giardino a Quarrata” avrebbe detto.

La Procura locale però è dell’idea che l'assunzione di droga sia avvenuta nell'abitazione dei coniugi, a Poggio a Caiano. In casa però non sono state trovate tracce di droga a seguito della perquisizione. Gli ulteriori accertamenti saranno effettuati dai carabinieri, su delega del sostituto procuratore Gianpaolo Mocetti. Intanto hanno verificato dalle telecamere di sorveglianza che non risulterebbe la presenza della coppia di Poggio ai giardini di Quarrata nell'orario indicato dai due.

Stando a quanto si legge sul quotidiano locale, i genitori sono entrambi tossicodipendenti e hanno qualche precedente penale. L'assunzione di cocaina e di hashish potrebbe essere avvenuta in seguito all'allattamento, scrive sempre il Tirreno. La bambina è stata trattenuta in osservazione al Meyer ma gli inquirenti dicono che è fuori pericolo.