314 CONDIVISIONI
9 Dicembre 2021
15:20

Giovanni, dal dormitorio a una nuova casa: “Finalmente ricomincio a vivere, ora mi serve un lavoro”

Da vent’anni passa da un lavoro all’altro e finisce nel dormitorio pubblico di Torino. L’Ufficio Pio di Torino e la Casa dei Padri Separati gli offrono una seconda opportunità.
A cura di Gianluca Orrù
314 CONDIVISIONI

Era un uomo arrivato fino al 2002 Giovanni, ma racconta di aver fatto l'errore di cambiare lavoro, "la nuova ditta ha fallito in sei mesi e mi sono ritrovato a dover saltare da un lavoro all'altro, molti mesi di inattività, poi la tristezza, qualche scelta sbagliata e alla fine ho terminato i risparmi e mi sono ritrovato per strada".

Il 2020 è stato durissimo, tanto che Giovanni è costretto a entrare in un dormitorio pubblico nel centro di Torino, alle spalle del Consiglio Regionale del Piemonte, e a restare lì per molti mesi prima di riuscire ad acciuffare un'opportunità. "L'estate è stata lunga, lunghissima, senza niente da fare – racconta Giovanni a Fanpage.it – in questo periodo però sto partecipando a un progetto dell'Ufficio Pio di Torino, che mi sta consentendo di formarmi per diventare un educatore. Ho sempre lavorato nel settore ICT, nell'informatica, quindi mi sto proponendo come educatore per i cosiddetti ‘silver', le persone un po' avanti nell'età che hanno bisogno di aiuto per gestire le pratiche burocratiche attraverso gli smartphone".

Giovanni è nato a Torino, ma i suoi amici non sanno della sua condizione: "Ci sentiamo attraverso i social, ma non ci vediamo da un po' – spiega – non me la sento di farmi vedere così. Un tempo avevo tutto e adesso sto cercando di ricostruire la mia vita, mi farò vedere da loro quando sarò a posto".

Anche se Giovanni non ha figli, è stato comunque accolto nella Casa dei Padri Separati da Luigi Ronzulli: "Questa casa è un luogo per condividere progetti comuni – spiega Luigi – e Giovanni è una persona gentile, che merita un'opportunità per riprendersi. La solitudine e la povertà crescente trovano una cura nella condivisione di spazi, di progetti e di vita".

Adesso Giovanni vive in una casa vera e ha dei progetti per il futuro: "Adesso ci vuole il lavoro – spiega – se anche non dovessi riuscire nel progetto ne cercherei uno qualsiasi. Avere una casa è un grande passo in avanti, mi consente di ricominciare, ma adesso ci vuole un lavoro".

314 CONDIVISIONI
Draghi: "L'Ue deve sostenere l'Ucraina e Zelensky, ora serve un cessate il fuoco"
Draghi: "L'Ue deve sostenere l'Ucraina e Zelensky, ora serve un cessate il fuoco"
1° maggio, Mattarella: "Il lavoro non è gioco letale, serve patto imprese-sindacati per zero morti"
1° maggio, Mattarella: "Il lavoro non è gioco letale, serve patto imprese-sindacati per zero morti"
Omicidio Gualzetti, disposta nuova perizia sul killer. Il papà di Chiara: "Perdonare? Per ora no"
Omicidio Gualzetti, disposta nuova perizia sul killer. Il papà di Chiara: "Perdonare? Per ora no"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni