Possibile presenza di frammenti di vetro all'interno della confezione. Questo il motivo che ha spinto Alnatura a richiamare i propri ceci secchi. Nello specifico si tratta del lotto di produzione con codice a barre: 4104420022683 venduto in confezioni da 500 grammi, da consumare preferibilmente entro il 14.1.2021 e 27.1.2021. Coinvolti i punti vendita di tutte le filiali Migros, LeShop, Alnatura e negozi on line come Amazon. L’azienda in questione prega tutti i clienti di non consumare il prodotto interessato. Non si possono essere escludere infatti rischi per la salute, nel caso il prodotto dovesse venir consumato.

Per chiunque si accorga di avere tale alimento in casa – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”- è naturalmente possibile provvedere ad un rimborso oppure ad una sostituzione. Basterà recarsi al punto vendita dove è avvenuto precedentemente l’acquisto. A quel punto sarà necessario scegliere se provvedere per una sostituzione con un altro prodotto oppure con un rimborso. In casi come questa l’esibizione dello scontrino di riferimento non è necessaria.

Non si tratta del primo ritiro legato alla presenza di frammenti di vetro all'interno della confezione: è già capitato a marzo quando Ministero della Salute attraverso il proprio portale web dedicato agli Avvisi di sicurezza ha lanciato un avviso di richiamo riguardante la Salsa Pronta di Pomodorino Datterino prodotta con marchio Iper Montebello Spa e commercializzata per la stessa società della grande distribuzione. Meno recentemente, lo stesso dicastero richiamato un lotto di brodo vegetale in polvere a causa della possibile presenza degli oggetti estranei nei vasetti.