824 CONDIVISIONI

Firenze, aggressione squadrista all’esterno del liceo Michelangiolo: studenti presi a calci e pugni

Aggressione squadrista nei confronti di un gruppo di studenti, preso a calci e pugni all’esterno del liceo classico Michelangiolo di Firenze. Ira del sindaco Nardella: “Atto intollerabile e gravissimo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Chiara Ammendola
824 CONDIVISIONI
Alcuni frame del video dell'aggressione
Alcuni frame del video dell'aggressione

AGGIORNAMENTO 19.50: Sono sei i ragazzi identificati dalla Polizia di Stato che sarebbero coinvolti nell'aggressione ai due studenti del liceo Michelangiolo avvenuta stamani a Firenze, in via della Colonna: si tratta di tre maggiorenni e tre minorenni, estranei alla scuola, appartenenti ad Azione Studentesca, organizzazione di estrema destra. Secondo quanto ricostruito dalla Digos della Questura, le dinamiche dell'aggressione sono legate a un volantinaggio davanti alla scuola da parte dei giovani di Azione Studentesca, che avrebbe accesso una discussione con due studenti del liceo. Riguardo alla responsabilità per i fatti successi, i sei giovani potrebbero rispondere del reato di manifestazione non preavvisata, previsto dall`art. 18 del Tulps, con riferimento all`attività di volantinaggio. Potrebbero rispondere anche del reato di lesioni personali, qualora vi siano i presupposti (come la presentazione della querela da parte delle vittime), oltre che di altri eventuali reati che l`Autorità Giudiziaria – alla quale saranno trasmetti gli atti – potrebbe ravvisare.

Calci e pugni al volto a un ragazzo costretto con la forza sull'asfalto, mentre il suo aggressore inferisce su di lui. Intorno altri studenti e anche una docente che chiede a gran voce di lasciarlo andare. È questa la scena, poi ripresa in un video, avvenuta questa mattina dinanzi al liceo classico Michelangiolo di Firenze. Una vera e propria aggressione squadrista da parte di alcuni militanti di estrema destra nei confronti di un gruppo di studenti appartenenti al collettivo Sum.

Una spedizione punitiva alla quale hanno preso parte non solo ragazzi ma diversi adulti, almeno quattro secondo quanto denunciato poi dagli studenti, come si vede anche dal video che riprende la scena. Gli studenti del collettivo sono stati aggrediti questa mattina pochi minuti prima dell'inizio delle lezioni, mentre all'esterno dell'istituto aspettavano il suono della campanella che li richiamava a scuola.

Un testimone ha riferito ai rappresentati d'istituto che tutto sarebbe iniziato quando due ragazzini hanno iniziato a fare volantinaggio per conto di Casaggì, organizzazione di estrema destra, che si definisce “identitaria”, e che sarebbe legata a Fratelli d'Italia. “Alcuni studenti sono andati a far loro delle domande – ha raccontato il testimone – e sono stati spintonati, a quel punto sono arrivati 5-6 uomini tra i 25 e i 30 anni ed è iniziata l'aggressione”.

Sulla vicenda è intervenuta la dirigente scolastica del Michelangiolo, la professoressa Rita Gaeta, che ha raggiunto il luogo dell'aggressione pochi minuti dopo quando il gruppo di adulti si era già dato alla fuga. “Mi hanno riferito che una docente è stata coinvolta nello scontro, o che per lo meno è intervenuta – le parole della preside – ora è in classe, più tardi sentirò anche lei”.

Intanto Rita Gaea, che ha allertato la Digos denunciando quanto accaduto, ha chiesto di "relazionare tutto quello che hanno visto". “Il personale di accoglienza della scuola, che ha visto tutto, non ha chiamato le forze dell'ordine – ha concluso – ma se una cosa succede in strada davanti al Michelangiolo non possiamo chiudere gli occhi. È una cosa che non va affatto bene”.

Dure le parole del sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha parlato di un fatto intollerabile. “Un’aggressione squadrista di questa gravità – ha scritto in un post Facebook – e davanti ad una scuola è un fatto intollerabile. Ho parlato il Questore perché venga fatta chiarezza al più presto e vengano individuati i responsabili. Firenze e la scuola non meritano violenze del genere”.

Mentre Nicola Fratoianni, che ha apertamente parlato di "gruppo di picchiatori legati a Casaggì" ha fatto sapere che presenterà presto un'interrogazione al Ministro dell'Interno Piantedosi sull'accaduto. “Un attacco da squadraccia fascista in piena regola – ha fatto sapere il segretario di Sinistra Italiana – tutta la mia solidarietà e vicinanza agli studenti del Liceo Michelangiolo di Firenze. Un'aggressione che ci porta indietro di qualche decennio e che testimonia la brutta aria che tira in questo paese. Un messaggio di violenza squadrista che non deve passare e che non passerà. Queste formazioni, nei fatti neofasciste, devono essere sciolte”.

824 CONDIVISIONI
Scelto a caso tra gli altri studenti a scuola, baby gang prende a calci e pugni un 14enne a Mestre
Scelto a caso tra gli altri studenti a scuola, baby gang prende a calci e pugni un 14enne a Mestre
Punizione 'insufficiente' per chi ha picchiato il figlio, madre assale il preside a calci e pugni
Punizione 'insufficiente' per chi ha picchiato il figlio, madre assale il preside a calci e pugni
Stufi di essere chiamati da maestre, mamma e papà vanno a scuola e prendono a calci e pugni il preside
Stufi di essere chiamati da maestre, mamma e papà vanno a scuola e prendono a calci e pugni il preside
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni