8.342 CONDIVISIONI
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce
7 Giugno 2022
13:07

Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l’assassino di Daniele ed Eleonora

Il verdetto dei giudici su Antonio De Marco, il giovane reo confesso dell’omicidio di Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, uccisi la sera del 21 settembre 2020 nella casa che per mesi avevano condiviso con il loro assassino.
A cura di Susanna Picone
8.342 CONDIVISIONI
Eleonora e Daniele, uccisi in casa a Lecce
Eleonora e Daniele, uccisi in casa a Lecce
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce

Ergastolo. È arrivato il verdetto per Antonio De Marco, reo confesso dell’omicidio di Daniele De Santis e di Eleonora Manta, coppia di fidanzati uccisi a coltellate la sera del 21 settembre del 2020 nella loro casa in via Montello a Lecce. Uccisi da De Marco, che per un periodo aveva vissuto con le vittime, “perché erano felici”, secondo le parole usate dallo stesso imputato.

L’imputato Antonio De Marco
L’imputato Antonio De Marco

La sentenza dei giudici della Corte d'Assise di Lecce, presidente Pietro Baffa, è arrivata nella tarda mattinata di oggi nell'aula bunker. Prima di ritirarsi in camera di consiglio, il presidente della Corte ha disposto la decadenza di un giudice popolare supplente perché, poco prima dell'inizio dell'udienza, ha rilasciato un'intervista a un'emittente televisiva.

Per De Marco non è stato disposto l'isolamento diurno per un anno. In aula non erano presenti né De Marco né i suoi genitori. C'erano invece i famigliari delle vittime.

La Procura aveva invocato l’ergastolo per De Marco col riconoscimento dell'aggravante della crudeltà e della premeditazione, e appunto l'isolamento diurno per un anno. L'accusa nei suoi confronti è di omicidio volontario premeditato, aggravato dalla crudeltà e dai futili motivi. Per la difesa, invece, il giovane assassino reo confesso non era imputabile perché affetto da un vizio di mente.

 

"Nessuna sentenza potrà mai colmare il vuoto che ha lasciato", le uniche parole pronunciate dal papà di Daniele De Santis dopo la lettura della sentenza. Oggi nell'aula bunker di Lecce c'era anche la mamma di Eleonora, che dopo aver ascoltato la condanna si è coperta il viso con le mani ed è scoppiata a piangere.

Daniele ed Eleonora, uccisi a Lecce
Daniele ed Eleonora, uccisi a Lecce

Il processo per l’omicidio di Daniele ed Eleonora – lui aveva 33 anni, faceva l’amministratore di condominio ed era arbitro di calcio in serie C, lei una 30enne impiegata dell’Inps – arriva a sentenza dopo un anno e 4 mesi. De Marco, 21enne di Casarano, studente universitario di Infermieristica, reo confesso fin dal momento del suo arresto avvenuto pochi giorni dopo il delitto, non è mai stato presente in aula ed è sempre rimasto sua cella nel carcere di Borgo San Nicola a Lecce. Il processo non ha conosciuto particolari colpi di scena, dopo la confessione dell’imputato e il quadro probatorio abbastanza chiaro. Il dibattimento si è incentrato sulla capacità di intendere e volere del presunto assassino al momento del delitto e sulle perizie psichiatriche. Gli esperti consulenti psichiatrici nominati dalla Corte di Assise di Lecce hanno sostanzialmente giudicato De Marco capace di intendere e di volere al momento del delitto e quindi capace anche di “stare in giudizio”, pur riconoscendo che ha una personalità di tipo narcisistico.

8.342 CONDIVISIONI
Fidanzati uccisi a Lecce, nel computer di De Marco trovate immagini di sesso tra minori
Fidanzati uccisi a Lecce, nel computer di De Marco trovate immagini di sesso tra minori
I sogni spezzati di Eleonora e Daniele, uccisi “perché felici”: due anni fa gli omicidi di Lecce
I sogni spezzati di Eleonora e Daniele, uccisi “perché felici”: due anni fa gli omicidi di Lecce
Omicidio fidanzati di Lecce, per pm l’ergastolo non basta: per De Marco chiesto isolamento in cella
Omicidio fidanzati di Lecce, per pm l’ergastolo non basta: per De Marco chiesto isolamento in cella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni