169 CONDIVISIONI
4 Settembre 2021
20:53

Federico Lugato, 250 volontari lo stanno cercando in montagna: “Dobbiamo trovarlo ad ogni costo”

Scomparso il 26 agosto in Val Zoldana, originario di Mestre ma da anni trasferitosi a Milano, del 39enne Federico Lugato sembra non esserci più traccia. L’imponente macchina dei soccorsi non si ferma anche se ormai le speranze sembrano essersi affievolite. Lugato era uscito di casa per un’escursione sul gruppo montuoso del Tamer-San Sebastiano, sulle Dolomiti Bellunesi.
A cura di Elia Cavarzan
169 CONDIVISIONI

Partono a decine le squadre di volontari. Ognuno di loro ha in mano una cartina e un settore che il centro di comando dei Vigili del Fuoco gli ha fornito da controllare, palmo a palmo, per trovare Federico Lugato. Alcuni di loro sono amici, altri semplici abitanti del posto, o ancora persone che nemmeno conoscevano Federico, ma sono passati per dare una mano.

Dal coordinamento dei volontari civili, Roberta De Salvador fa sapere che in questi giorni, le famiglie di Elena e Federico, "hanno avuto un sollievo al cuore nel vedere così tanti volontari disposti a salire e scendere la montagna per giornate intere alla ricerca di Federico". Sarebbero oltre 250 secondo la stima del coordinamento, i civili che da Mestre, Belluno, Milano hanno raggiunto Val Zoldana per aiutare la macchina dei soccorsi.

Nella giornata di sabato 4 settembre, c'erano all'incirca 50 Vigli del Fuoco, e tra Guardia di Finanza, Polizia, Croce Rossa, Protezione Civile, Soccorso Alpino, altrettanti volontari tra valli e campo base sorto per comodità al campo sportivo di Pralongo, a 150 metri da dove Federico ha lasciato la sua macchina.

L'eccellenza della tecnologia alla ricerca di Federico, ma anche il miglior fiuto d'Italia. Tra droni e unità cinofile di élite, tutto sembra ancora in ballo. "La speranza è l'ultima a morire", dice qualche volontario, qualcun altro invece è più pessimista e si aspetta il peggio dopo nove giorni dalla sparizione. Ma tutti assieme sono una macchina di ricerca che gli abitanti del posto non avevano mai visto prima.

"Bisogna trovarlo in un modo o nell'altro", spiega Roberta De Salvador, "la compagna di Federico sta bene ma sta veramente soffrendo molto per quello che gli sta accadendo e per queste giornate concitatissime".

169 CONDIVISIONI
Esponenti dei clan mafiosi percepivano in massa il reddito di cittadinanza: 109 denunce
Esponenti dei clan mafiosi percepivano in massa il reddito di cittadinanza: 109 denunce
Anna e la sua petizione: "Reggio Calabria discrimina i disabili, è tutta una barriera"
Anna e la sua petizione: "Reggio Calabria discrimina i disabili, è tutta una barriera"
Morte Viviana e Gioele, legali famiglia Mondello: c'è stata una "messinscena" con i cadaveri
Morte Viviana e Gioele, legali famiglia Mondello: c'è stata una "messinscena" con i cadaveri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni