Aggiornamenti sul caso Emanuela Orlandi
18 Dicembre 2011
16:05

Emanuela Orlandi: parenti contestano il Papa

I parenti di Emanuela Orlandi protestano durante l’Angelus di questa mattina. Aspettavano che Benedetto XVI parlasse del caso, ma non vi è stato alcun cenno al riguardo.
A cura di Carmine Della Pia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggiornamenti sul caso Emanuela Orlandi

“Hanno perso l'occasione di riscattare 28 anni di silenzio.”
Pietro Orlandi
Centinaia di persone hanno protestato, questa mattina, in occasione dell’Angelus, contestando il silenzio di Papa Benedetto XVI circa il rapimento di Emanuela Orlandi. La scomparsa, avvenuta il 22 giugno 1983, è stata oggetto di numerose indagini e il fratello della ragazza, Pietro Orlandi, aveva scritto una lettera al Papa per chiedere “verità e giustizia sul caso”. Tra le tante ipotesi, infatti, una serie di affari loschi legati all’Antonveneta di cui sarebbe stato a conoscenza il padre della giovane. “Hanno perso una grande occasione per riscattare 28 anni di silenzio”, ha detto ai giornalisti Pietro Orlandi.

La lettera al Papa

Sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, il fratello Pietro non ha mai perso la speranza, arrivando a lanciare una petizione online e ad inviare un’accorata lettera al Papa. Questo il testo della missiva:

Sua Santità, mi rivolgo a Lei nella sua duplice veste di capo di Stato e di rappresentante di Cristo in terra, per chiederLe di porre in essere tutto ciò che è umanamente possibile per accertare la verità sulla sorte della Sua connazionale Emanuela Orlandi, scomparsa a Roma il 22 giugno 1983. Il sequestro di una ragazzina è offesa gravissima ai valori religiosi e della convivenza civile: a Emanuela è stata fatta l’ingiustizia più grande, le è stata negata la possibilità di scegliere della propria vita. Confido in un Suo forte e ispirato intervento perchè, dopo 28 anni, gli organi preposti all’accertamento della verità (interni ed esterni allo Stato Vaticano) mettano in atto ogni azione e deliberazione utili a fare chiarezza sull’accaduto. Un gesto così cristiano non farebbe che dare luce al Suo altissimo magistero, liberando la famiglia di Emanuela e i tanti che le hanno voluto bene dalla straziante condanna a un’attesa perenne”.

La scomparsa di Emanuela Orlandi

Questa mattina, durante l’Angelus della domenica di Benedetto XVI, i parenti di Emanuela Orlandi aspettavano che il Papa parlasse del caso. Al termine della Messa, nessun cenno alla vicenda, così parenti e amici hanno dato vita ad una contestazione. La quindicenne Emanuela sparì nel nulla nel giugno del 1983. Si recava a scuola, quella mattina, quando fu fermata da un uomo a bordo di una Bmw che le offriva un’allettante proposta di lavoro come rappresentante di cosmetici. Dell’episodio si ha notizia perché la ragazza chiamò a casa spiegando tutto ai genitori: voleva il loro permesso prima di accettare il lavoro. Quella sarà l’ultima telefonata di Emanuela. Nel caso sono stati coinvolti esponenti della banda della Magliana, lo Stato Vaticano e lo Stato Italiano. Secondo le testimonianze di un vigile urbano, l’uomo che avvicinò la ragazza era Enrico De Pedis, criminale della banda della Magliana latitante all’estero. Secondo Sabrina Minardi, ex compagna del latitante De Pedis, la Orlandi fu rapita su ordine di Monsignor Paul Marcinkus e uccisa successivamente. Si arriva, così, al giugno 2011, quando un agente del sismi dichiara che Emanuela è ancora viva ma rinchiusa in un manicomio inglese. La giovane sarebbe stata rapita e portata di forza in manicomio per atto di ritorsione verso il padre, che sarebbe a conoscenza di affari loschi legati al riciclaggio di denaro sporco e all’Antonveneta.

62 contenuti su questa storia
Scomparsa di Emanuela Orlandi: perché dopo 38 anni si parla di una “trattativa segreta”
Scomparsa di Emanuela Orlandi: perché dopo 38 anni si parla di una “trattativa segreta”
Oggi Emanuela Orlandi compirebbe 53 anni: "Finché non ho un corpo la cercherò viva"
Oggi Emanuela Orlandi compirebbe 53 anni: "Finché non ho un corpo la cercherò viva"
Emanuela Orlandi, l'appello di Pietro a Ratzinger: "Se sa parli, non faccia come Wojtyla"
Emanuela Orlandi, l'appello di Pietro a Ratzinger: "Se sa parli, non faccia come Wojtyla"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni