139 CONDIVISIONI
18 Dicembre 2021
16:26

Diciassettenne ucciso nel Siracusano, fermato un 33enne: colpito al posto del padre dopo una lite

È stato arrestato dopo due settimane di indagini il presunto autore del delitto avvenuto a Noto, in provincia di Siracusa, lo scorso 2 dicembre: vittima un 17enne che, secondo gli inquirenti, sarebbe stato colpito al posto del padre.
A cura di Chiara Ammendola
139 CONDIVISIONI

Secondo i carabinieri del comando provinciale di Siracusa che hanno lavorato senza sosta nelle ultime due settimane, l'obiettivo di quei colpi di pistola esplosi lo scorso 2 dicembre a Noto non era il 17enne Paolo Mirabile ma il padre. Il minore, raggiunto da un proiettile alla testa, è morto dopo due giorni in ospedale e secondo gli inquirenti responsabile del suo omicidio è il 33enne Vincenzo Di Giovanni, residente nella cittadina in provincia di Siracusa, così come le vittime.

I carabinieri del comando provinciale di Siracusa, coordinati dal procuratore capo della Procura di Siracusa Sabrina Gambino e dai sostituti procuratori Salvatore Grillo e Silvia D’Armento, lo hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto dopo averlo rintracciato ad Avola, mentre si nascondeva a casa di conoscenti. Di lui si sarebbero perse le tracce poco dopo la sparatoria avvenuta la sera del 2 dicembre in seguito a una lite che si era consumata poco distante dal luogo dell'omicidio. Ed è da lì che gli inquirenti sono partii nelle indagini per tentare di dare un nome e un volto all'assassino. Ad aiutarli ci sono state le immagini le telecamere di videosorveglianza poste in strada che hanno ripreso tutti le fasi dell'omicidio.

E così raccolti tutti gli indizi, "nonostante il muro di omertà eretto dall’intera comunità nomade cui appartengono sia la vittima che l’uomo tratto in arresto" è stato possibile rintracciare e porre in stato di fermo il 33enne che, gli inquirenti sono convinti, voleva uccidere il padre del 17enne. I due infatti poco prima, dopo aver abusato di alcolici, avevano litigato con diverse persone tra le quali proprio il killer. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri i due, probabilmente dopo aver abusato di alcolici e discusso veemente, si erano allontanati verso casa. Saliti in auto per andare via sarebbero stati raggiunti da Di Giovanni che, in sella al suo scooter, avrebbe esploso i colpi, uno dei quali ha poi raggiunto la vittima alla testa.

139 CONDIVISIONI
Alice Scagni, uccisa a coltellate in strada dopo un litigio: fermato il fratello
Alice Scagni, uccisa a coltellate in strada dopo un litigio: fermato il fratello
Uccide la moglie e si costituisce a Rimini: il delitto in casa dove c'erano i nipotini della coppia
Uccide la moglie e si costituisce a Rimini: il delitto in casa dove c'erano i nipotini della coppia
Alice Scagni uccisa dal fratello per motivi economici, lui condivideva il suo rancore sui social
Alice Scagni uccisa dal fratello per motivi economici, lui condivideva il suo rancore sui social
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni