106 CONDIVISIONI

Detenuto scappa dall’ospedale e si nasconde sotto le auto, il video della caccia all’uomo a Lecce

Caccia all’uomo giovedì mattina nel parcheggio dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce quando un detenuto per omicidio, arrivato per controlli all’ingresso, è scappato dandosi alla fuga nell’area antistante il nosocomio salentino. L’uomo infine è stato individuato dagli agenti della polizia penitenziaria sotto una vettura parcheggiata.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
106 CONDIVISIONI
Immagine

Momenti di agitazione nella mattinata di oggi all'ospedale Vito Fazzi di Lecce quando un detenuto per omicidio, arrivato per controlli all'ingresso, è scappato, dandosi alla fuga nell'area antistante del nosocomio salentino. La fuga ha dato vita a una caccia all'uomo durata diversi minuti nel parcheggio dell'ospedale e immortalata anche in alcuni video registrati col telefonino dalle finestre dello stesso edificio sanitario.

Nel filmato si vedono gli agenti della polizia penitenziaria che, armi in mano, si aggirano tra le vetture ferme in cerca del fuggitivo. La fuga del detenuto però non è durata a lungo. L'uomo infatti è stato individuato dagli agenti della polizia penitenziaria sotto una vettura parcheggiata e trascinato fuori dove è stato nuovamente ammanettato e portato via.

Il fuggitivo poi ripreso è Geovani Bernia Castillo, 29enne in carcere a Lecce con l'accusa di aver ucciso un 50enne di Bitonto lo scorso aprile. Secondo quanto ricostruito, l'uomo nella mattinata di giovedì era stato accompagnato dagli agenti in ospedale per una visita specialistica. Appena sceso dal furgone e mentre si apprestava a entrare in ospedale, però, il 29enne è scappato sfuggendo ai sorveglianti e dandosi a una repentina fuga a piedi verso il parcheggio dell'ospedale di Lecce.

Gli agenti lo hanno subito rincorso, chiedendo rinforzi ai colleghi sul posto fisso e ingaggiando un caccia all'uomo nel parcheggio. Mentre venivano mobilitati anche carabinieri e polizia, però, gli agenti della penitenziaria lo hanno individuato sotto una vettura dove aveva provato a nascondersi. Dopo averlo accerchiato, gli agenti lo hanno trascinato fuori e portato via.

"Ancora una situazione  di pericolo per i malcapitati visitatori dell’ospedale che poteva avere risvolti molto più drammatici, senza il coraggio e la professionalità dei  poliziotti penitenziari di scorta" denunciano dal sindacato di polizia Sappe, aggiungendo: "Purtroppo questo episodio che è avvenuto a Lecce poteva accadere a Taranto, Bari, Foggia, a Trani ecc.ecc. poiché non si contano più gli accompagnamenti  anche di pericolosissimi detenuti che, giornalmente escono dal carcere per recarsi  negli ospedali per qualsiasi motivo".

"Abbiamo chiesto l’attivazione  della Telemedicina per tutte le carceri pugliesi al fine di  monitorare i pazienti detenuti per fare diagnosi e terapie a distanza evitando così l’invio in ospedale di tantissimi ristretti  anche pericolosissimi, senza mai avere  risposte" prosegue la nota del sindacato che conclude: "Del fallimento totale dell’assistenza sanitaria ai detenuti con problemi psichiatrici abbiamo anche informato le varie procure della repubblica della regione, poiché non è possibile lasciare queste malati da soli e senza cure adeguate nelle sezioni detentive, insieme agli altri detenuti a minacciare, aggredire poliziotti nonché creare caos di ogni genere".

106 CONDIVISIONI
Rovigo, scende dall'auto e sposta l'ambulanza che intralcia il traffico: è caccia all'uomo
Rovigo, scende dall'auto e sposta l'ambulanza che intralcia il traffico: è caccia all'uomo
Lecce, bimba di 2 anni in ospedale perché positiva alla cannabis, indagano i carabinieri
Lecce, bimba di 2 anni in ospedale perché positiva alla cannabis, indagano i carabinieri
Travolge un uomo in scooter e scappa, 58enne muore a Reggio Emilia
Travolge un uomo in scooter e scappa, 58enne muore a Reggio Emilia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views