483 CONDIVISIONI
6 Settembre 2021
20:35

Cosenza, massacrata di botte per aver accudito cagnolini randagi: quattro arresti

Sono di “tentata rapina e lesioni personali aggravate” le accuse nei confronti delle quattro persone – due uomini e due donne -che lo scorso mese hanno picchiato selvaggiamente la ricercatrice romana, Beatrice Lucrezia Orlando, in vacanza a Tortora (Cosenza). La sua colpa era stata quella di occuparsi di alcuni cani randagi. Aveva riportato un trauma cranico, denti rotti, fratture, lesioni varie.
A cura di Biagio Chiariello
483 CONDIVISIONI

I quattro aggressori di Beatrice Lucrezia Orlando, la ricercatrice aggredita a Tortora (Cosenza) il mese scorso mentre viaggiava a bordo della sua bici, sono stati tutti arrestati. La sua colpa era stata quella di aver soccorso e probabilmente salvato la vita a un gruppo di cagnolini ritrovati abbandonati in strada. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, quattro persone – due uomini di 72 e 45 anni e due donne di 70 e 40 anni, tutti di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli – le avevano prima provato a togliere il cellulare per poi picchiarla selvaggiamente. Nonostante la 41enne fosse caduta a terra, l'attacco è continuato con violenza e Beatrice è stata presa a pugni e calci su tutto il corpo. Per la procura di Paola, guidata da Pierpaolo Bruni, le accuse nei confronti degli indagati, rientrati nel napoletano dopo le ferie, sono di "tentata rapina e lesioni personali aggravate".

I fatti risalgono allo scorso 4 agosto. Beatrice, in vacanza in Calabria, trova una cucciolata di cani randagi, cui dà acqua e cibo in attesa dell’arrivo dei volontari dell’Ente protezione animali, con cui era stato già concordato il recupero. Ma ai quattro, come la donna anche loro in vacanza sul litorale tirrenico calabrese., la cosa non è piaciuta: la donna è oggetto di minacce di morte, che vengono estese ai suoi familiari ed ai cagnolini che aveva appena curato e portato con sé, solo per il fatto che "non deve prendersi cura dei cani randagi". Qualche giorno dopo, il 6 agosto, arriva l'aggressione vera e propria. Mentre Beatrice Lucrezia Orlando tornava in bicicletta dal centro del paese, viene prima bloccata e obbligata a fermarsi da una delle due donne che tenta di sottrarle il cellulare, poi picchiata selvaggiamente dai due uomini, che non si fermano neanche quando cade a terra. Risultato, un trauma cranico, denti rotti, fratture, lesioni, contusioni.

Beatrice aveva raccontato quei minuti da incubo su Facebook postando anche alcune immagini delle lesioni subite al volto dopo l'aggressione. Allo shock e al dolore per quanto subito si era aggiunto l'amarezza perché nessuno dei passanti, così come raccontato dalla ragazza, era intervenuto in sua difesa. Ora però la giustizia ha fatto il suo corso. Un’indagine rapida, che ha portato in meno di un mese ad un provvedimento per i quattro aggressori.

483 CONDIVISIONI
Calabria, 14enne pestato a sangue davanti scuola. Avvocato: "Chi sa, parli", 16enne si autodenuncia
Calabria, 14enne pestato a sangue davanti scuola. Avvocato: "Chi sa, parli", 16enne si autodenuncia
Esalazioni tossiche da un vasca con mosto d'uva: 4 morti a Paola mentre preparano il vino
Esalazioni tossiche da un vasca con mosto d'uva: 4 morti a Paola mentre preparano il vino
Esalazioni tossiche da un vasca con mosto d’uva: 4 morti a Paola mentre preparano il vino
Esalazioni tossiche da un vasca con mosto d’uva: 4 morti a Paola mentre preparano il vino
403 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni