immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Grave incidente a Cortina d’Ampezzo. Un bambino di 6 anni, residente nella zona di Conegliano Veneto, è precipito da otto metri dopo una rovinosa caduta dalla parete della palestra di roccia “Lino Lacedelli” nella località sciistica delle Dolomiti. Il piccolo è stato soccorso dal 118 e poi è stato trasportato dall’elicottero del 118 all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso dove si trova ricoverato in gravi condizioni.  Non sarebbe comunque in pericolo di vita.

Stando a quanto ricostruito, pare che il piccolo sia sfuggito al controllo dei genitori e del personale della struttura arrampicandosi da solo, senza protezioni e cadendo poi rovinosamente a terra. “Secondo quello che abbiamo potuto ricostruire, è salito completamente slegato”, spiega a La Tribuna di Treviso, Michele Titton, uno dei soci della palestra ampezzana, “non ero presente, ma mi dicono che si è avventurato”. “Ha battuto sicuramente la schiena”, aggiunge Titton, “quello che ci conforta è il fatto che non abbia mai perso conoscenza e abbia subito pianto per il gran dolore che provava”.

Subito dopo l’incidente sul posto è intervenuta un’ambulanza. Lo staff sanitario l’ha prima trasportato al Codivilla per una serie di esami preliminari, poi è stato necessario far intervenire l’elisoccorso per il trasferimento a Treviso. Il bimbo ha riportato una serie di traumi, in particolare all’altezza della schiena.

Ora in molti si chiedono come sia stato possibile che un bimbo abbia agito così indisturbato. “I sorveglianti ci sono sempre stati e fanno indubbiamente un buon lavoro di prevenzione, ma dev’essersi trattato di qualcosa che ha sorpreso tutti”, conclude Titton.