2.769 CONDIVISIONI
8 Giugno 2021
16:03

Corea del Nord, portare i jeans attillati è punibile con la pena di morte: le norme contro l’Occidente

La Corea del Nord prepara nuove strette contro lo stile di vita occidentale: indossare i jeans attillati può essere punito con la pena di morte e cambiare taglio di capelli può portare a 15 anni di reclusione in un campo di rieducazione. Kim Jong-un ha annunciato di voler approvare leggi più severe contro il “pensiero reazionario”
A cura di Gabriella Mazzeo
2.769 CONDIVISIONI
Kim Jong–Un, numero uno della Corea del Nord.
Kim Jong–Un, numero uno della Corea del Nord.

Indossare i jeans attillati in Corea del Nord potrebbe portare alla pena di morte. Il provvedimento fa parte di una serie di nuove disposizioni di legge contro il "pensiero reazionario". Kim Jong-un vuole infatti allontanare la cittadinanza dalle usanze occidentali come abiti, film e slang stranieri non di uso comune nella lingua nazionale. Un taglio di capelli diverso dai 15 già autorizzati può portare all'arresto. Anche ascoltare la musica pop sud-coreana, diventata famosa in tutto il mondo, è punibile con pene severissime. Secondo il regime di Pyongyang la norma punta a "proteggere i giovani dal vento giallo del capitalismo" imponendo di fatto come unico lo stile di vita nord-coreano.

Il dittatore ha inviato una lunga lettera alla Lega della gioventù nord-coreana preannunciando le nuove strette. Chiunque verrà sorpreso con quantità di materiale multimediale della Corea del Sud, degli Stati Uniti o del Giappone rischia una condanna fino alla pena di morte. Il minimo previsto dalla legge sarà di 15 anni di reclusione in un campo di internamento. La stampa sudcoreana riferisce a tal proposito la storia di alcuni adolescenti inviati in un campo di rieducazione per essersi tagliati i capelli come alcuni cantanti di una band K-pop. La notizia non è verificabile in modo indipendente: potrebbe quindi essere parte della propaganda del regime per incutere timore nei cittadini.

La repressione non si ferma ai soli trasgressori: se un lavoratore viene arrestato, può essere punito anche il direttore della fabbrica in cui risulta impiegato. Se un ragazzino viene considerato "problematico", anche i genitori possono essere processati. La crisi causata dalla pandemia potrebbe rendere i media stranieri un veicolo per un nuovo senso di "resistenza" nella popolazione. Nel paese asiatico è in vigore da tempo il blocco di Internet e non sono autorizzati i social media. Con lo scoppio della pandemia, inoltre, le tv di Stato hanno sempre sostenuto che nella nazione non siano stati registrati decessi dovuti al Covid-19. L'arrivo di informazioni dall'estero potrebbero piegare questa narrazione e Kim Jong-un cerca di agire proprio su questo fronte.

2.769 CONDIVISIONI
Alluvione in Belgio: i Vigili del Fuoco italiani hanno salvato 40 persone
Alluvione in Belgio: i Vigili del Fuoco italiani hanno salvato 40 persone
Cresce la fame nel mondo, secondo l'Onu nel 2020 più di 800 milioni di persone erano sottoalimentate
Cresce la fame nel mondo, secondo l'Onu nel 2020 più di 800 milioni di persone erano sottoalimentate
Bari, sequestrato e picchiato tutta la notte: gli hanno pure spento una sigaretta in faccia
Bari, sequestrato e picchiato tutta la notte: gli hanno pure spento una sigaretta in faccia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni