171 CONDIVISIONI
Covid 19
28 Dicembre 2021
20:36

Come potrebbero cambiare le regole sulla quarantena dopo la riunione del CTS di domani

Nessun giorno di quarantena per i contatti di di positivi che abbiano ricevuto tre dosi di vaccino; cinque giorni, invece, per i contatti di positivi al Covid che abbiano completato solo il ciclo primario di vaccinazione. Sarebbero questi gli orientamenti del CTS in vista del vertice di domani.
A cura di Davide Falcioni
171 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il vertiginoso aumento dei contagi degli ultimi giorni rischia di rilevarsi un enorme problema non solo dal punto di vista sanitario, ma anche per il rischio che servizi essenziali – come trasporti, sicurezza e ospedali – possano subire una vera e propria paralisi se, con i casi positivi, aumenteranno anche le quarantene. La variante Omicron del resto si sta dimostrando estremamente contagiosa ma fortunatamente anche meno virulenta e per questo nei giorni scorsi sono state diverse le voci autorevoli a chiedere al Governo una modifica della durata della quarantena. Secondo il fisico Roberto Battiston, ad esempio, "applicando alla variante Omicron le norme sulla quarantena e gli isolamenti fiduciari pensate in un'altra fase della pandemia, ci si potrebbe ritrovare in un lockdown generalizzato di fatto". Per questo domani mattina si riunirà il Comitato Tecnico Scientifico e valuterà se sussistano i presupposti per una modifica delle regole attualmente vigenti.

Quarantene, le ipotesi sul tavolo del CTS

Secondo quanto appreso da Fanpage.it sarebbero queste le ipotesi allo studio del Comitato Tecnico Scientifico: nessun giorno di quarantena per i contatti di di positivi che abbiano ricevuto tre dosi di vaccino; cinque giorni di quarantena per i contatti di positivi al Covid che abbiano completato solo il ciclo primario di vaccinazione (cioè monodose J&J o due dosi Pfizer, Moderna e AstraZeneca). I contatti di positivi non vaccinati dovranno invece rispettare un periodo di quarantena di 7/10 giorni. Per quanto riguarda i positivi al Covid invece la discussione all'interno del Comitato Tecnico Scientifico è ancora aperta visto che ci sono – tra i suoi componenti – orientamenti diversi. Attualmente i soggetti asintomatici risultati positivi alla ricerca di SARS-CoV-2 possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa della positività, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare con risultato negativo (10 giorni + test).

171 CONDIVISIONI
31009 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni