436 CONDIVISIONI
Covid 19
18 Ottobre 2021
15:59

Colleghi contro studentessa No Green a Pass di Bologna: “È lei che ci insulta e minaccia”

La risposta dei colleghi universitari della studentessa No Green a Pass di Bologna che nei giorni scorsi aveva denunciato, durante una manifestazione no vax,  di essere stata insultata e allontanata dall’Ateneo proprio perché priva di certificazione verde e di essere stata apostrofata in malo modo dagli altri ragazzi presenti. ” È stata lei ad andare incontro al gruppo istigandolo: “Cosa volete fare ora? Volete picchiarmi?” hanno fatto sapere i ragazzi.
A cura di Antonio Palma
436 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"È lei che ci insulta e minaccia" così i colleghi universitari della studentessa No Green a Pass di Bologna hanno replicato pubblicamente alle accuse mosse dalla giovane che nei giorni scorsi aveva denunciato, durante una manifestazione no vax,  di essere stata insultata e allontanata dall'Ateneo proprio perché priva di certificazione verde e di essere stata apostrofata in malo modo dagli altri ragazzi presenti. In una missiva indirizzata al Rettore, gli studenti rigettano al mittente le accuse di aggressione, accusando la stessa Silvia di essere lei l'autrice di insulti e minacce ai compagni che contestavano le sue esternazioni. Una lettera per "difenderci dalle calunnie che ci sono giunte" e per " riprendere le lezioni in totale tranquillità" sottolineano gli studenti.

 

"Noi siamo studentesse e studenti di filosofia, siamo amanti del sapere in ogni sua declinazione, sfumatura, riflesso, colore. È proprio per questo che noi non potremmo mai negare il diritto di un’altra persona di esporre il proprio pensiero e di lottare per esso, così come non oseremmo discriminare le convinzioni altrui; tuttavia, è necessario manifestare le proprie idee in un modo legittimo affinché non si metta a rischio la salute degli altri e non vengano intaccati diritti altrui" si legge nella lettera riportata da Repubblica che dà un resoconto di quella giornata completamente diverso.

Per i colleghi della studentessa c'è stato sì uno scontro verbale in aula ma che rientrava nella dialettica tra due punti di vista opposti e che si sarebbe potuto concludere lì.  Una versione che di fatto conferma quanto già raccontato dalla professoressa che in quel momento era in aula e che poi ha spiegato: "Che io abbia visto non c’è stata nessuna aggressione, soltanto uno scambio di opinioni contrastanti”. Per gli studenti dopo scontro verbale sarebbe stata la ragazza ad andare in contro al gurppo istigandolo nel cortile dell'università

"Silvia sostiene con fermezza che un gruppo di studenti l’avrebbe poi aspettata fuori per picchiarla. Peccato che abbia omesso un particolare: quel giorno pioveva e l’unico posto per ripararsi, per chi fosse sprovvisto di ombrello, era proprio il cortile dell’università presso il quale, inevitabilmente, si è creata una folla. Come se non bastasse, uscendo dall’aula, è stata lei ad andare incontro al gruppo (a lei totalmente indifferente), istigandolo: “Cosa volete fare ora? Volete picchiarmi?” scrivono infatti gli studenti.

436 CONDIVISIONI
28421 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni