14.940 CONDIVISIONI
Sacri abusi, storie di preti pedofili
27 Luglio 2018
19:43

Calenzano, il prete si difende: “Pensavo avesse 15 anni, prendeva lei l’iniziativa”

Il prete, davanti ai giudici durante l’interrogatorio, avrebbe affermato di non sapere l’età esatta della piccola e che era lei a prendere l’iniziativa. Fatti che secondo il Gip che ha disposto i domiciliari sono smentiti dal suo stesso racconto e da quello dei familiari della bimba. Per i giudici don Paolo Glaentzer ha dimostrato “un pervicace radicamento in condotte devianti e illecite”
A cura di Antonio Palma
14.940 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Sacri abusi, storie di preti pedofili

"Ignoravo l’età, pensavo che avesse qualche anno in più, tipo 14 o 15 anni" così davanti ai giudici si sarebbe giustificato don Paolo Glaentzer, il prete accusato di aver abusato di una 11enne sua conoscente dopo essere stato sorpreso lunedì sera in flagrante mentre si era appartato in auto in un zona buia con la bambina seminuda a Calenzano, in provincia di Firenze. La circostanza secondo la quale il prete avrebbe ignorato l’età della bambina, secondo il gip che ha disposto per l'uomo gli arresti domiciliari, sarebbe però smentita dal suo stesso racconto successivo e dalle  indagini investigative dei carabinieri. L'uomo infatti davanti al pm ha dichiarato di conoscere la famiglia da molti anni, addirittura da quando la bambina era poco più che una neonata, circostanza confermata dagli stessi familiari della 11enne.

"Ho conosciuto questa famiglia circa dieci anni fa e andavo una volta al mese a cena a casa loro" avrebbe detto infatti il parroco. L’uomo avrebbe  anche affermato di aver aiutato la famiglia della piccola sia spiritualmente che economicamente a causa  di problematiche finanziarie che sociali da cui era gravata. Per questi problemi la bimba e i fratellini in effetti erano stati anche tolti ai genitori e messi in comunità per ordine dei servizi sociali ma lo stesso don Paolo si era prodigato per farli tornare a casa. Rispondendo alle domande degli inquirenti, il prete ha raccontato di aver donato in totale alla famiglia circa settemila euro durante tutto il periodo della loro frequentazione.

Davanti al magistrato però l'uomo ha confessato pienamente l'incontro con la piccola, raccontando anche di  aver avuto incontri analoghi con la bimba in "almeno altre tre occasioni", specificando poi che era sempre stata la piccola a prendere l'iniziativa.  "Dal momento dell'arresto ad oggi ho pensato a quanto accaduto e mi rendo conto di aver sbagliato", avrebbe poi affermato don Paolo, ammettendo le sue colpe. Secondo il gip, in realtà il sacerdote avrebbe potuto ancora abusare della bimba se non fosse stato sorpreso dai due vicini di casa e poi bloccato dai carabinieri. Per il giudice, l'anziano avrebbe circuito la piccola approfittando dal suo ruolo di sacerdote e della conoscenza con la famiglia dimostrano "un pervicace radicamento  in siffatte devianti e illecite modalità di condotta".

14.940 CONDIVISIONI
69 contenuti su questa storia
Enna, prete e prof di religione accusato di abusi sui minori. La Procura apre un'inchiesta
Enna, prete e prof di religione accusato di abusi sui minori. La Procura apre un'inchiesta
Pedofilia nella Chiesa, accusato il segretario di Wojtyla: "Prendeva mazzette per coprire abusi"
Pedofilia nella Chiesa, accusato il segretario di Wojtyla: "Prendeva mazzette per coprire abusi"
Don Marino Genova è stato arrestato: abusò della tredicenne Giada Vitale
Don Marino Genova è stato arrestato: abusò della tredicenne Giada Vitale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni