2.777 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Novembre 2021
09:50

Burioni spiega perché non serve misurare gli anticorpi ma fare la terza dose di vaccino Covid

Roberto Burioni, virologo del San Raffaele di Milano, ha spiegato in diretta a Che tempo che fa su Rai 3 perché occorre fare la terza dose di vaccino anti Covid e perché allo stesso tempo è inutile misurare gli anticorpi prima della somministrazione del booster: “Esistono due categorie di vaccini, quello contro Covid contiene proteine inerti. Con questo tipo di vaccini si deve fare il richiamo, come nel caso di quello della poliomielite, del papilloma virus e dell’antinfluenzale”.
A cura di Ida Artiaco
2.777 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Fare o non fare la terza dose di vaccino Covid? Mentre il governo è al lavoro per allargare la platea dei soggetti a cui somministrare la dose booster di vaccino, a rispondere a questa domanda ci ha pensato Roberto Burioni, virologo del San Raffaele di Milano: nel corso della consueta lezione tenuta ieri sera durante la trasmissione Che tempo che fa su Rai 3, ha spiegato perché è importante ricevere la terza dose per le categorie individuate ma anche perché è inutile misurare gli anticorpi prima dell'ulteriore inoculazione. Lo ha fatto partendo dal racconto di come funziona un vaccino. "Un vaccino è una stimolazione artificiale del sistema immunitario dei pazienti contro un virus – ha esordito l'esperto -. Questo fa sì che quando poi il virus arriva per davvero ci sono tutta una serie di difese che o impediscono l'infezione o, se l'infezione avviene, le conseguenze non ci sono o sono molto più lievi. Ma come si fa a stimolare il sistema immunitario?".

Come funziona un vaccino

Secondo Burioni, "ci sono due strade: la prima è quella di utilizzare un virus attenuato, cioè si prende un virus, in laboratorio lo si modifica e alla fine si ottiene un virus più buono, si somministra questo virus come vaccino, capace di infettare il paziente alla quale seguirà la malattia in forma lievissima. Virus di questo tipo li usiamo tutti i giorni, come quelli contro il morbillo, la parotite, la rosolia e la varicella. Questi vaccini hanno la caratteristica di suscitare una risposta immunitaria potente proprio perché infettano il paziente senza dare la malattia. Ma hanno anche un problema: sono dei virus buoni, ma sono sempre dei virus, quindi non possono essere somministrati per esempio a una donna incinta perché quel virus pur buono potrebbe far del male al feto, o a un paziente immuodepresso. Ci sono poi altri vaccini che sono concettualmente diversi. E sono vaccini che non si basano sul virus attenuato ma che contengono le proteine del virus. Per cui i primi sono virus che si replicano, i secondi sono pezzi di virus che pur stimolando il sistema immunitario del paziente, sono proteine inerti. Vaccini di questo tipo li abbiamo contro la poliomielite, l'epatite B, il papilloma virus. Questi vaccini non sono costituiti da un virus che si replica ma da semplici proteine possono essere usate in tutta sicurezza in tutti i soggetti. Però hanno una capacità di suscitare una risposta immune meno spiccata di quelli fatti con un virus che si replica. Con questi vaccini bisogna sempre fare dei richiami. Per esempio quello contro l'epatite B è fatto di tre richiami, quello contro la poliomielite di 4, quello influenzale deve essere fatto tutti gli anni".

Cosa succede col vaccino anti Covid

Ancora, Burioni ha spiegato che "il vaccino contro il Covid fa parte concettualmente di questa seconda categoria. Non contiene un virus che si replica, ma qualcosa che fa produrre al nostro organismo un pezzo di virus. Quindi non deve stupirci che possa volerci una terza dose. Questa dose serve ma non facciamoci prendere dal panico. I dati che arrivano dall'osservazione dei vaccinati sono estremamente tranquillizzanti. La protezione in Italia è superiore al 77% contro l'infezione e superiore al 90% contro le conseguenze gravi della malattia. Ma stanno suonando campanelli d'allarme che devono farci allertare. Per esempio, ultimamente sono aumentati i casi tra i sanitari, il che possiamo immaginare possa dipendere dal fatto che sono molto esposti ma anche che sono stati tra i primi ad essere vaccinati. Se poi andiamo a vedere quello che succede tra gli ultra 80enni ci accorgiamo che la protezione nei confronti dei ricoveri in terapia intensiva rimane molto alta ma sta calando".

Perché non serve misurare gli anticorpi

Infine, un consiglio a tutti coloro che sono stati chiamati a fare il richiamo. "Non dobbiamo aspettare che il virus faccia le sue mosse, dobbiamo prima farle noi in anticipo – ha concluso Burioni -. Quindi è una cosa assolutamente opportuna fare le terza dose a sei mesi dall'ultima. È sicura e permette di ripristinare ottima protezione nei confronti del virus. Non ci sono controindicazioni. Voglio aggiungere che non serve a niente misurare gli anticorpi prima della terza dose perché il livello di anticorpi contro il virus che causa il Covid  presente nel sangue non è correlato alla protezione. È una pessima idea".

2.777 CONDIVISIONI
29780 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni