26 Settembre 2017
22:11

Bari: accusato di averla tradita, porta la moglie sul luogo del delitto appena compiuto

L’uomo non si era presentato all’appuntamento, la moglie temeva un tradimento, ma lui per giustificarsi l’ha portata sul luogo dove aveva appena ucciso un uomo. La donna ha raccontato tutto alla polizia e lui è stato condannato.
A cura di A. P.

Doveva presentarsi all'appuntamento con la moglie per festeggiare insieme con una cena la giornata di San Valentino ma era arrivato tardi, così la donna, furiosa per l'ennesimo ritardo, aveva iniziato ad accusarlo di tradimento. Per tutta risposta lui, messo alle strette e per giustificarsi, aveva deciso di portare la consorte sul luogo di un delitto appena compiuto, mostrandogli le tracce di sangue ancora fresche della vittima. L'incredibile storia scoperta ben 14 anni dopo quell'omicidio quando la donna , ormai ex moglie dell'uomo, ha deciso di raccontare tutto alla polizia facendo riaprire le indagini sul caso della morte del 26enne barese Rocco Sciannimanico

La donna aveva spiegato che la sera del 14 febbraio 2001 aveva aspettato il marito per due ore sotto casa per andare a cena insieme. Così al suo arrivo, intorno alle 22, sarebbe andata su tutte le furie litigando. Lui per giustificare il ritardo, infine, avrebbe deciso di dimostrarle che in realtà si trovava sul luogo di un delitto, portandola e sul posto e mostrandole il segno del cadavere ancora sull'asfalto.

"Lo aveva ucciso con due colpi di pistola per punirlo per un debito non pagato" ha rivelato la donna riferendo le parole del presunto omicida, aggiungendo: "Poi siamo andati a cena. Lui si comportava come se niente fosse mentre io ero terrorizzata”. La donna ha taciuto a lungo fino al 2015 quando ha deciso di raccontare tutto diventando testimone di giustizia. Ora quelle dichiarazioni e gli accertamenti della Dda barese hanno permesso al gup di Bari Roberto Oliveri del Castillo di condannare a vent'anni di reclusione il 50enne per omicidio volontario.

Processo Mollicone, l'accusa: "Mottola in aula ha solo letto un foglio, segno di debolezza"
Processo Mollicone, l'accusa: "Mottola in aula ha solo letto un foglio, segno di debolezza"
187.201 di Simona Berterame
"Li ho uccisi tutti", ammazza moglie e figlia a Samarate. Un'amica: "Non si stavano separando"
"Li ho uccisi tutti", ammazza moglie e figlia a Samarate. Un'amica: "Non si stavano separando"
99.538 di Chiara Daffini
Omicidio Speranza Ponti, il compagno imputato Massimiliano Farci piange in aula
Omicidio Speranza Ponti, il compagno imputato Massimiliano Farci piange in aula
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni