133 CONDIVISIONI
13 Novembre 2013
17:06

Milano, la Procura indaga su Apple: presunta frode fiscale da 1 miliardo di euro

Frode fiscale: la filiale italiana dell’azienda di Cupertino secondo la Procura del capoluogo lombardo, attraverso una falsa rappresentazione delle scritture contabili avrebbe occultato al fisco italiano una ingente somma di denaro. L’avvocato di Apple Italia è l’ex ministro della Giustizia Paola Severino.
A cura di Redazione
133 CONDIVISIONI

Un miliardo di euro di frode fiscale in Italia: è l'ipotesi di reato sulla quale la Procura di Milano sta lavorando e che ha come protagonista la Apple, il colosso della telefonia e dell'informatica. La notizia, anticipata dal sito dell'Espresso, è stata confermata da fonti giudiziarie: al lavoro ci sono il procuratore aggiunto di Milano Francesco Greco e il pubblico ministero Adriano Scudieri; ipotizzano che la filiale italiana della multinazionale californiana che produce l'iPhone e il Mac avrebbe sottostimato di circa 206 milioni di euro l'imponibile fiscale del 2010 e di circa 853 milioni di euro quello relativo all'anno d'imposta 2011. Secondo l'ipotesi dell'accusa, quindi, l'azienda fondata da Steve Jobs avrebbe nascosto al fisco italiano oltre una somma ingente, pari appunto a circa un miliardo d'euro, attraverso una falsa rappresentazione delle scritture contabili. Sarebbero indagati due manager di Apple e già la Guardia di Finanza, su delega dell'autorità giudiziaria, avrebbe acquisito documenti nella sede della Apple in piazza San Babila a Milano. L'avvocato di Apple Italia è l'ex ministro della Giustizia Paola Severino.

133 CONDIVISIONI
Il governatore della Lombardia Fontana non sarà processato per il caso camici: "Il fatto non sussiste"
Il governatore della Lombardia Fontana non sarà processato per il caso camici: "Il fatto non sussiste"
Le notizie del 3 maggio sul Coronavirus
Le notizie del 3 maggio sul Coronavirus
"Lo Stato mi aiuti a morire", l'appello per il suicidio assistito di Fabio, immobilizzato da 18 anni
"Lo Stato mi aiuti a morire", l'appello per il suicidio assistito di Fabio, immobilizzato da 18 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni