immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Olio di dubbia provenienza, prosciutti e confezioni di pasta con data scaduta da utilizzare nei cesti per i regali di Natale. È uno dei particolari emersi dai controlli dei Carabinieri del NAS di Pescara in provincia di Teramo nel corso dei controlli alla filiera alimentare per garantire tavole e strenne natalizie piú sicure. I nomi delle attività commerciali denunciate e i comuni nei quali si trovano non sono stati resi noti.

Gli accertamenti dei militari hanno permesso di impedire che decine di prosciutti crudi, peraltro con indicazione geografica tipica, riportanti data di scadenza oltrepassata di validità, venissero impiegati per allestire cesti natalizi. I prosciutti sono stati sequestrati e messi a disposizione dell’Autorità Competente. Stessa sorte è toccata a oltre 140 litri di condimenti alimentari concentrati a base di olio e 4.400 kg di olio e.v.o., rinvenuti in un opificio del chietino, in assenza di indicazioni utili a poterne stabilire la rintracciabilità.

In provincia di Chieti è stata sospesa l'attività in un deposito di alimenti con gravi carenze igienico sanitarie e strutturali. All’interno sono stati scoperti oltre 70 kg di prodotti alimentari confezionati – bevande, dolciumi, confetture e pasta – tutti già scaduti da tempo, e destinati anche in questo caso alla realizzazione di confezioni regalo e cesti di natale.

A Pescara, invece, i NAS sono intervenuti in un supermercato dove erano state segnalate alcune confezioni di pesce affumicato, con data di scadenza decorsa. I Carabinieri hanno proceduto al sequestro delle confezioni ed alle conseguenti contestazioni amministrative.