Alzi la mano chi non almeno una volta nella vita non l’ha assaggiata dalla propria nonna. La caramella Rossana ha accompagnato intere generazioni. Per un periodo ha rischiato di sparire, ma ora se ne torna a parlare in toni ben più gradevoli. A breve, infatti, tra gli scaffali dei supermercati arriverà la crema spalmabile al sapore di Caramelle Rossana. La società Fida di Asti (che ha rilevato il marchio nel 2016, scongiurando il rischio di fallimento dell’azienda) proverà dunque a farsi largo in un mercato che negli ultimi tempi sta riservando diverse sorprese (vedi Pan Di Stelle, con buona pace di Nutella), lanciando un nuovo interessante prodotto dalle caratteristiche molto particolari.

L’annuncio è stato dato sulla pagina Facebook della Bonelle Gelées, il settore – di cui fa appunto parte Fida – che cura la produzione anche delle Caramelle Rossana. Dovrebbe chiamarsi “La crème di Rossana”: una crema spalmabile al latte e alle nocciole, che sarà prodotta senza l’utilizzo dell'ormai noto (e tanto odiato per alcuni consumatori) olio di palma, e sarà anche senza glutine.

La storia delle Caramelle Rossana

Una bella novità quella di Fida che, dopo aver attraversato un periodo buio negli scorsi anni, sta vivendo una vera e propria rinascita. Basti pensare che Le Bonelle Gelées oggi detiene il 3.5% nel mercato delle caramelle ‘della nonna' con oltre 21 milioni di euro di fatturato nel 2017 (suoi marchi sono anche Sanagola e Charms). L’operazione del 2016 aveva peraltro portato al passaggio di consegne anche di altri marchi come Fondenti, Glacia, Fruttallegre, Lemoncella e Spicchi. L’annuncio de “La crème di Rossana” dà nuovo vigore allo storico brand introdotto da Perugina nel lontanissimo 1926 – in onore a Roxanne, la dama amata da Cyrano de Bergerac – e poi entrato a far parte delle nostre viste, col suo gusto dolce, la forma particolare e la caratteristica unica di essere dura fuori e morbida all’interno.