La tragica vicenda avvenuta giovedì, su un treno Frecciarossa diretto a Roma. Dalla denuncia dei passeggeri risulta che un 56enne si è sentito male subito dopo la partenza del treno che però si è fermato solo dopo 40 minuti. L’uomo è morto in ambulanza.

Giornata di disagi per chi deve spostarsi in treno: sono infatti previsti ritardi tra i trenta minuti e l'ora lungo la linea ferroviaria dell'Alta velocità tra Firenze e Roma a causa dell'investimento di un gregge di pecore, avvenuto intorno alle 13.45 di oggi a Rigutino, in provincia di Arezzo. Al momento, stando a quanto fa sapere Ferrovie dello Stato, sono in corso le operazioni di trasbordo dei passeggeri che viaggiavano sul treno investitore e, per questa ragione, i convogli che transitano sulla direttissima tra Arezzo e Chiusi, per proseguire il viaggio sono costretti ad uscire dall'alta velocità immettendosi nella linea storica per il tratto interessato.

Rubati cavi tecnologici: gravi ritardi sul nodo romano

I ritardi di queste ore seguono a quelli avvenuti questa mattina nel nodo di Roma, dove ignoti hanno rubato decine di metri di cavi tecnologici fra le stazioni di Roma Tuscolana e Roma Ostiense causando forti rallentamenti, cancellazioni e  limitazioni di percorso con importanti conseguenze nel traffico ferroviario nell'area romana. Il guasto si è registrato intorno alle 2:10 della notte fra il 14 ed il 15 aprile Lo rende noto Rfi. Stando a quanto reso noto l'atto vandalico ha determinato un principio d'incendio in un ‘pozzetto' dove sono presenti i cavi elettrici. Sono in corso accertamenti da parte degli investigatori del Compartimento di Polizia Ferroviartia del Lazio presenti sul posto.