Il sindaco di Torino Chiara Appendino sotto scorta. Dopo gli scontri registrati del fine settimana, la prefettura ha disposto misure di sicurezza eccezionali per la sindaca finita nel mirino degli anarco-insurrezionalisti per avere sostenuto lo sgombero dell'Asilo occupato – eseguito non su ordinanza comunale ma su disposizione del gip nell'ambito di una inchiesta per associazione sovversiva – e per avere condannato le violenze di sabato, quando alcune persone hanno dato vita a gravi episodi di vandalismo, danneggiano auto, oggetti e mezzi pubblici lungo le strade del centro del capoluogo piemontese. Attimi di paura anche per i passeggeri di un autobus di linea bloccato da un gruppo di manifestanti che avrebbe fatto scendere tutti, minacciato l'autista e danneggiato il bus prima di dileguarsi verso altri obiettivi. Come anticipato da alcuni quotidiani, ad accelerare la decisione di assegnare la scorta a Chiara Appendino anche le minacce, ad esempio le scritte “Appendino appesa”, comparse sui muri del centro della città.

“Abbiamo avuto a che fare con gente addestrata. Abbiamo dovuto fronteggiare un contesto che non ha nulla a che vedere con la protesta sociale”, ha detto il questore di Torino, Francesco Messina, analizzando quanto accaduto nel fine settimana, il corteo anarchico “gonfiato” da manifestanti che fanno della protesta “punto di partenza per sovvertire l'ordine democratico”. L’Asilo occupato non era “un centro sociale normale”, ha spiegato il questore dopo le violenze, ma “la base logistica di una cellula che propugna la sovversione dell’ordine democratico partendo dalla protesta di piazza”. Sabato nelle vie di Torino “c’erano soggetti che nulla hanno a che vedere con l’ideologia anarco-insurrezionalista. Una solidarietà che non mi spiego”, ha aggiunto. Il dispositivo della scorta è partito subito dopo gli scontri di sabato, deciso quella sera stessa e messo in atto dopo gli ulteriori arresti della Digos che ha fermato alcuni dei violenti che hanno messo a ferro e fuoco la città.