18 CONDIVISIONI

La nuova svolta di Victoria’s Secret: Darren Barnet è il primo ambassador uomo

Si chiama Darren Barnet ed è il primo uomo scelto come ambassador da Victoria’s Secret. A partire da questo momento sarà lui a sponsorizzare la linea PINK del brand, che per l’occasione dedicherà anche con una esclusica collezione maschile.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valeria Paglionico
18 CONDIVISIONI
Immagine

Siamo sempre stati abituati ad associare Victoria's Secret ai meravigliosi angeli, ovvero le modelle che, con tanto di maxi ali piumate, sfilavano e posavano in lingerie mettendo in mostra le loro silhouette impeccabili, ma da qualche anno a questa parte le cose sono cambiate. Il brand ha messo in atto una rivoluzione body positive, dando sempre più spazio a donne "normali" che non hanno alcuna intenzione di adeguarsi a tutti i costi a uno stereotipo di bellezza irraggiungibile. Nelle ultime ore, inoltre, è stata annunciata un'ulteriore svolta: per la prima volta è stato scelto un uomo come ambassador del marchio. Di chi si tratta? Di Darren Barnet, l'attore diventato noto grazie alla serie Netflix Non ho mai…

La prima collezione maschile di Victoria's Secret

Si chiama Darren Barnet, è diventato famoso con il teen drama Non ho mai… e, nonostante fin da piccolo abbia sempre inseguito la sua passione per la recitazione, ora si è dato alla moda. È stato scelto come ambassador della collezione PINK di Victoria's Secret, una linea dedicata ai più giovani che a partire da questo momento non solo si aprirà al mondo maschile ma si proporrà anche di celebrare la diversità, l'uguaglianza e l'inclusione. L'attore diventerà protagonista delle campagne pubblicitarie e curerà anche un elenco dei suoi prodotti preferiti, i cosiddetti PINK Faves. A questo punto, dunque, non resta che aspettare le sue prime rivoluzionarie foto in pantaloncini, t-shirt, felpe e accessori abbinati firmati Victoria's Secret.

La strategia di rebranding di Victoria's Secret

È da diversi anni che Victoria's Secret ha cambiato drasticamente rotta in fatto di marketing, basta guardare i profili social del brand per capirlo, visto che a prendere il posto degli angeli dagli addominali scolpiti sono state delle modelle assolutamente "normali". Complice il calo delle vendite, l'azienda ha dovuto mettere in atto un rebranding, adeguandosi così alle richieste e ai valori della generazione Z. Niente più angeli, silhoette impeccabili e intimo non troppo adeguato a dei corpi "comuni", ora si punta sull'inclusività con top plus-size, disabili, transgender, di ogni taglia, di ogni sesso, di ogni fisicità. La scelta di Darren Barnet come ambassador non sarebbe altro che la "ciliegina sulla torta", la prova materiale del fatto che il marchio ha veramente detto addio al passato.

18 CONDIVISIONI
Investire sull’inclusività non è bastato: perché il rebranding di Victoria's Secret è fallito
Investire sull’inclusività non è bastato: perché il rebranding di Victoria's Secret è fallito
Victoria's Secret riunisce le grandi modelle e celebra i corpi: c'è un'icona in ognuno di noi
Victoria's Secret riunisce le grandi modelle e celebra i corpi: c'è un'icona in ognuno di noi
Victoria's Secret torna a sfilare dopo quattro anni: come cambierà lo show degli 'Angeli'
Victoria's Secret torna a sfilare dopo quattro anni: come cambierà lo show degli 'Angeli'
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni