6 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Tendenze moda Primavera/Estate 2024

Il bracciale cuff è l’accessorio da avere questa primavera: la tendenza dalle passerelle

Un gioiello vistoso che nasce dalla mente di Elsa Peretti per poi essere declinato in diversi modi dalle maggiori Maison. Da indossare sul braccio nudo, sopra le maniche o per fermare i guanti, i modelli proposti dai marchi.
A cura di Annachiara Gaggino
6 CONDIVISIONI
Un modello di Rabanne
Un modello di Rabanne
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

A volte basta un accessorio per rendere il look più semplice indimenticabile. Scegliere il giusto gioiello permette di non passare inosservati, oltre che di apparire estremamente eleganti e sofisticati. Se il must-have dell'Autunno sono stati gli orecchini a goccia di Bottega Veneta, virali sui social e oggetto del desiderio di molti appassionati di moda, per la Primavera la tendenza è puntare sui bracciali.

Vittoria Ceretti in Maison Alaia
Vittoria Ceretti in Maison Alaia

Non un modello qualsiasi, ma il cuff, che abbraccio l'intero polso e possibilmente di dimensioni vistose. Quello che un tempo veniva definito "alla schiava". Questo gioiello torna in auge, declinato in infinte forme e colori, riportato sulle passerelle da moltissimi brand, ora lo sfoggiano anche le star, a volte in versione doppia, uno per ogni braccio, come ha fatto Vittoria Ceretti al party di Vanity Fair organizzato dopo la notte degli Oscar, dove ha indossato un look firmato Maison Alaïa, caratterizzato da un paio di manicotti fluffy da cui spuntavano due bracciali dorati.

Il Bone Cuff di Tiffany & Co. e Elsa Peretti
Il Bone Cuff di Tiffany & Co. e Elsa Peretti

Come nasce il bracciale cuff: da Coco Chanel a Elsa Peretti

Uno dei primi fu ideato da Coco Chanel in collaborazione con il duca Fulco di Verdura, un modello passato alla storia per le sue pietre colorate incastonate a forma di croce, ma il successo lo raggiunge negli anni Settanta, con il famoso Bone Cuff di Tiffany & Co. disegnato da Elsa Peretti che ha rivoluzionato il design di gioielli con un'estetica nuova e inedita. Le sue creazioni vedono la luce grazie allo stilista argentino Giorgio di Sant’Angelo, che le fa indossare alle sue modelle negli anni Sessanta; collaborò poi con Halston fino ad arrivare al marchio che la consacra alla storia: Tiffany & Co.

Un look Tom Ford Primavera/Estate 2024
Un look Tom Ford Primavera/Estate 2024

Il Bone cuff, il bracciale che si ispira alle ossa

Il bracciale realizzato con Tiffany & Co. fu un successo, e il fatto che è amato ancora oggi lo dimostra. Elsa Peretti per realizzare questo accessorio pensa alle ossa, una sua grande passione, da bambina infatti visitava spesso un ossario vicino a casa da cui era molto affascinata. Anche il periodo trascorso a Barcellona, dove lavorò come modella nel 1964, contribuì al design del bracciale, Elsa Peretti, infatti, rimase affascinata dalle linee sinuose di Casa Milà di Antoni Gaudí, e le ripropose nell'accessorio. Il Bone Cuff di Tiffany & Co. è un bracciale ergonomico, caratterizzato da un’asimmetria e da linee a onda. Il pezzo era stato studiato in modo che potesse adattarsi perfettamente a chi li indossa, in particolare per aderire alla fisionomia di entrambi i polsi. Il gioiello sedusse anche le dive di Hollywood, in particolare Liza Minelli che lo indossò diverse volte.

Un look Saint Laurent Primavra/Estate 2024
Un look Saint Laurent Primavra/Estate 2024

Il bracciale oggi: modelli in passerella

Se il Bone Cuff rimane unico, molti designer lo hanno preso come modello per realizzare la loro versione del braccialetto. Le Maison ne hanno proposti diversi modelli durante le sfilate Primavera/Estate 24. Prima tra tutti Tom Ford che lo ha realizzato in più forme da quello più pulito, dalle linee tondeggianti, a quello effetto coccodrillo fino ad arrivare al modello con inserti in pelle, la regola è sempre la stessa: portarli da entrambi i lati.

Un look Ralph Lauren Primavera/Estate 2024
Un look Ralph Lauren Primavera/Estate 2024

Sain Laurent, invece, lo svela in una versione elegante e sofisticata, indossato sopra un paio di guanti in pelle che arrivano a metà avambraccio, fermandoli sul polso. Rabanne, in linea con la sua estetica, lo propone in versione extra large, a guisa di schiava, accanto a un look dai rimandi medievali e orientaleggianti. Più classico rimane Fendi che realizza un modello elegante che richiama il filo da cucito annodato in modo da comporre la F della Maison, mentre quello Ralph Lauren ricorda il modello di Rabanne, ma più discreto.

Un look Rabanne Primavera/Estate 2024
Un look Rabanne Primavera/Estate 2024

C'è anche chi decide di rendere proprio questo bracciale. JordanLuca riporta nel gioiello l'emblema del marchio: una rosa spinata, mentre Valentino arricchisce le borse di una catena corta da portare al polso a mo di' bracciale cuff, logato con la V della Maison.

Un look Valentino Primavera/Estate 2024
Un look Valentino Primavera/Estate 2024
6 CONDIVISIONI
28 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views