394 CONDIVISIONI

Giorgia Soleri risponde alle domande sulla vulvodinia: “Ho sofferto di acne, uso oppioidi per il dolore”

Giorgia Soleri soffre di vulvodinia e sui social non esita a parlare della malattia. Di recente ha risposto alle domande dei fan sulla questione, rivelando di aver sofferto di acne e di usare oppioidi contro il dolore.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valeria Paglionico
394 CONDIVISIONI
Immagine

Da qualche tempo a questa parte si parla molto di Giorgia Soleri e non solo perché è la fidanzata di Damiano dei Maneskin ma anche perché è stata tra le prime ad aver avuto il coraggio di parlare apertamente di vulvodinia sui social, malattia che da anni la obbliga a convivere con sintomi invalidanti e dolori lancinanti. La diagnosi è arrivata solo 2 anni fa, dopo che per moltissimo tempo nessuno ha creduto che la sofferenza che provava potesse essere associata davvero a una malattia. Si è anche operata di endometriosi e sempre su Instagram ha mostrato i segni che l'intervento le ha lasciato sul corpo. Oggi è tornata a parlare della malattia, dando ai fan la possibilità di rivolgerle delle domande.

Come cura il dolore Giorgia Soleri

Giorgia Soleri convive con dei dolori lancinanti da anni ma sotto consiglio medico ha trovato un rimedio per alleviarli: assume regolarmente degli oppioidi, per la precisione tramodolo oppure ossicodone. I followers le hanno chiesto di più sulla questione, domandandole se creano dipendenza e se alla fine eliminano davvero il dolore. "Possono creare dipendenza, io li prendo sotto strettissimo controllo medico e al momento non ho nessun sintomo di dipendenza. Il dolore nella maggior parte dei casi va via ma non sempre", queste sono state le parole usate dall'influencer per dare delle delucidazioni ai fan.

Immagine

"Ci ho messo un mese a riprendermi dall'intervento"

È poi tornata a parlare dell'intervento di laparoscopia a cui si è sottoposta, soffermandosi soprattutto sui tempi di recupero. Prima di prendere la decisione drastica aveva fatto degli accertamenti per escludere la possibilità di cistite interstiziale, poi ha scoperto che un'aderenza creata dall'endometriosi tra utero e vescica le causava moltissimo dolore vescicale ed è per questo che si è operata. Giorgia ha spiegato: "Non ci ho messo molto al alzarmi dal letto, già in ospedale ti fanno alzare il giorno dopo perché camminare serve a eliminare l'aria che viene inserita in fase di intervento (e che per me è stat la parte più dolorosa). A riprendermi totalmente ci ho messo circa un mese ma è molto soggettivo".

Immagine

Giorgia Soleri non desidera la maternità

Quali effetti ha avuto l'endometriosi sul corpo della Soleri al di là dei dolori? Pare che abbia favorito la comparsa dell'acne, anche se non ne ha la certezza. Nelle risposte alle domande dei followers ha infatti condiviso alcune foto di quando aveva i brufoli accanto a queste parole: "Quando ho iniziato la pillola continuativa ho sofferto di acne abbastanza leggera ma non so quanto siano collegate. L'ho curata con una dermatologa".

Immagine

La fidanzata di Damiano ha inoltre affermato di non sentire il desiderio di diventare madre ma in questa questione la malattia non c'entra nulla. Per concludere ha consigliato a tutti di indagare e di non essere superficiali se ci sono dolori eccessivi sia prima che durante il ciclo.

Immagine
394 CONDIVISIONI
Giorgia Soleri, creator dell'anno ai Diversity Media Awards: ritira il premio in total pink
Giorgia Soleri, creator dell'anno ai Diversity Media Awards: ritira il premio in total pink
Giorgia Soleri di cosa soffre, poesie. Federippi chi è, Pechino Express: le attiviste rispondono alle domande di Google
Giorgia Soleri di cosa soffre, poesie. Federippi chi è, Pechino Express: le attiviste rispondono alle domande di Google
Damiano è con la fidanzata Giorgia in un giorno importante: la sostiene al convegno sulla vulvodinia
Damiano è con la fidanzata Giorgia in un giorno importante: la sostiene al convegno sulla vulvodinia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni