11 Aprile 2022
16:09

Il Telegatto diventa green: Cracking Art rivoluziona il più famoso premio dello spettacolo italiano

In occasione dei 70 anni di TV Sorrisi e Canzoni, torna il Telegatto in una versione rinnovata, colorata e sostenibile creata dal gruppo di artisti Cracking Art.
A cura di Clara Salzano
I nuovi Telegatti creati da Crackingart
I nuovi Telegatti creati da Crackingart

Torna il Telegatto ma completamente rinnovato. Il Gran Premio Internazionale dello Spettacolo, ideato dalla rivista settimanale TV Sorrisi e Canzoni nel 1984, si tinge di blu, giallo e fucsia e diventa green. Niente più oro dunque ma plastica riciclata per l'iconica statuetta a forma di gatto. Il nuovo Telegatto, lanciato in occasione dei 70 anni di Sorrisi, è stato realizzato dal gruppo di artisti Cracking Art, conosciuti in tutto il mondo per i loro interventi artistici colorati e sostenibili.

Il nuovo Telegatto rappresenta una rivoluzione epocale per la rivista Sorrisi, non solo perché arriva in occasione dei 70 anni del famoso giornale ma anche perché verrà assegnato più volte all'anno a personaggi meritevoli della musica, del cinema, della tv e dello sport. Il nuovo premio in plastica riciclata e in colori vivaci è un chiaro segno dei tempi che passano e della contemporaneità mutevole. Il primo a ricevere il nuovo Telegatto è stato Vasco Rossi che ha anche posato per la copertina di aprile di Sorrisi.

Perché si parla di Cracking Art

Cracking Art deriva dall'inglese “to crack”, che significa rompere, spezzare, cedere ed è esattamente ciò che hanno fatto gli artisti del gruppo Cracking Art, rompere gli schemi ed innovare: "Con il nome di cracking catalitico è anche chiamata la reazione chimica che trasforma il petrolio grezzo in plastica: per gli artisti è questo il momento in cui il naturale permuta in artificiale, l’organico in sintetico, ed è tale processo che essi intendono rappresentare attraverso la loro arte.", spiegano gli artisti, "Cracking è il divario dell’uomo contemporaneo, dibattuto tra la naturalità originaria e un futuro sempre più artificiale. Cracking è il processo che serve a trasformare il petrolio in virgin nafta, composto di molecole semplici alla base di migliaia di prodotti di sintesi, quali la plastica…Cracking è quel processo che trasforma il naturale in artificiale, l’organico in sintetico. Un procedimento drammatico, se non è controllato, una scissione che ci mette tutti di fronte a realtà nuove".

Cracking Art realizza le sue opere d'arte in plastica eco e raffigura sempre grandi animali che invadono gli spazi delle città: "Le opere sono realizzate per sollecitare una riflessione collettiva sui temi dell’effetto antropico sull’ambiente naturale tramite azioni performative coinvolgenti, in cui installazioni fuori scala – come i celebri animali colorati – invadono i luoghi più vari, dagli spazi propriamente deputati all’arte a quelli della vita quotidiana. Rigenerare la plastica significa sottrarla alla distruzione tossica e devastante per l’ambiente donandole nuova vita, farne delle opere d’arte significa comunicare attraverso un linguaggio estetico innovativo esprimendo una particolare sensibilità nei confronti della natura".

L'arte può essere sostenibile? Cracking Art risponde
L'arte può essere sostenibile? Cracking Art risponde
La street art rivoluziona le periferie di Roma e del Lazio
La street art rivoluziona le periferie di Roma e del Lazio
Ilary Blasi a L’isola dei famosi in giacca e pantaloni: la rivoluzione di stile è mannish
Ilary Blasi a L’isola dei famosi in giacca e pantaloni: la rivoluzione di stile è mannish
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni