Una medaglia d'oro storica per l'Italia nei Tuffi. L'hanno conquistata Noemi Batki e Chiara Pellacani (16 anni) dalla piattaforma dieci metri synchro donne: è il primo podio a Kiev 2019 ed è anche il primo titolo italiano nella specialità (tra uomini e donne). L'esibizione è stata perfetta, testimoniata dal punteggio raccolto dalle connazionali nonostante un piccolo infortunio capitato alla giovane romana nell'ultimo tuffo durante la fase di riscaldamento: 290.34 rispetto al 284.40 della coppia inglese (Poebe Banks ed Emily Martin) e delle russe (Ekaterina Beliaeva e Iulia Timoshinina) che hanno chiuso a quota 277.50 accontentandosi del bronzo nonostante i favori del pronostico alla vigilia della prova. In quarta posizione ha chiuso la Germania (271.98) seguita nell'ordine dalla Romania (257.70) e dalla Norvegia (241.74). Le soddisfazioni per le due azzurre non sono finite. Il successo ottenuto in Ucraina è la conferma delle qualità espresse anche in coppia oltre alle sfide vinte a livello individuale.

Chiara Pellacani ha concesso il bis e s'è tolta anche un'altra soddisfazione: quella ottenuta a Kiev è la seconda medaglia d’oro assoluta dopo il trionfo di un anno fa agli Europei di Edimburgo (allora, però, era in tandem con Elena Bertocchi e la vittoria è arrivata dai 3 metri); ha scalzato Tania Cagnotto dal trampolino dei dieci metri che strappò l'oro a 19 anni ai Mondiali di Madrid nel 2004.

Straordinario anche il momento di forma di Noemi Batki: può gioire ancora una volta dopo aver ottenuto il pass olimpico a 32 anni, un risultato giunto come la ciliegina sulla torta dopo l'ottima performance ai Mondiali in Corea; può esultare e mostrare con orgoglio il metallo prezioso nella foto di rito come non le accadeva dal 2011, quando a Torino infilò al collo un altro oro continentale.