Roger Federer tornerà in campo solo nel 2021 quando sarà pienamente ristabilito dopo l'operazione al ginocchio destro alla quale si è sottoposto di nuovo. Comunque vada la ripresa del circuito Atp (l'ipotesi è che le gare ripartano il 17 agosto a Cincinnati), il campione svizzero non ci sarà e approfitterà della pausa forzata a causa dello stop per il Covid-19 per fare un "tagliando" all'articolazione che subì un intervento già a febbraio scorso.

È stato lo stesso Federer, che ad agosto compirà 39 anni, a pubblicare un messaggio sui social network per dare notizia della proprie condizioni, rassicurando tifosi e appassionati sul fatto che sarà di nuovo in campo nei prossimi mesi. Meglio sacrificare oggi la partecipazione alle sfide in programma tra Stati Uniti e Francia piuttosto che mettere a repentaglio il futuro.

Alcune settimane fa ho accusato una ricaduta durante la riabilitazione e sono stato costretto a sottopormi a un nuovo rapido intervento in artroscopia al ginocchio destro – si legge nel post di Federer -. Come già feci nel 2017 intendo dunque prendermi il tempo necessario per essere al 100%, pronto a giocare ai miei massimi livelli. Mi mancheranno i tifosi e il circuito ma sono impaziente di rivedervi tutti all'inizio della stagione 2021.

In questa stagione, condizionata dall'impatto devastante della pandemia da coronavirus sul mondo dello sport e sulla vita pubblica, Federer ha partecipato a un solo torneo ufficiale: gli Australian Open nello scorso gennaio, fermandosi in semifinale. Lo svizzero, però, può dormire sonni tranquilli a giudicare dai i conti in tasca che gli ha fatto la rivista specializzata ‘Forbes': è il secondo atleta ricco al mondo, con un reddito annuo di 71.5 milioni di dollari. Davanti a lui c'è il campione di gold, Tiger Woods, con 78.1 milioni di dollari.