225 CONDIVISIONI
Australian Open
30 Gennaio 2022
21:07

Medvedev crolla dopo la finale: si presenta in sala stampa e comincia un monologo sofferto

Dopo aver perso la finale degli Australian Open contro Nadal, Daniil Medvedev in conferenza stampa dove ha raccontato la sua storia personale.
A cura di Alessio Morra
225 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Australian Open

Rafa Nadal ha compiuto un'impresa titanica. Un mese e mezzo fa non sapeva nemmeno se sarebbe stato capace di giocare a tennis, e invece in Australia ci è andato, e dopo aver superato pure il Covid, ha vinto due tornei e conquistando gli Australian Open ha vinto il 21° titolo Slam della carriera, superando così Djokovic e Federer. Nadal ha vinto in cinque set su Medvedev, a cui ha rimontato due set. Rafa viene celebrato in ogni angolo del mondo, mentre lo sconfitto, complimentato dallo spagnolo e dallo stesso Djokovic, ricorderà amaramente e per sempre questa finale, che avrebbe potuto vincere. E dopo la partita in conferenza stampa il giocatore russo ha avuto un piccolo sfogo e ha mostrato tutte le sue fragilità.

Medvedev ha giocato questo torneo con un fortissimo peso sulle spalle, aveva le responsabilità che hanno  i numeri 1, perché la testa di serie principale (Djokovic) era fuori dal torneo, ha faticato abbastanza prima di arrivare in finale, ha perso cinque set e ha allenato un matchpoint nei quarti, e anche nell'ultimo atto ha vissuto la sua personale guerra con il pubblico, che lo ha beccato. Medvedev non è il tipo che si trattiene e non le ha mandate a dire agli spettatori (che hanno esagerato) e all'arbitro.

Dopo la finale, il russo si è presentato in conferenza stampa e prima di rispondere alle domande dei giornalisti presenti ha fatto un piccolo monologo, con il quale ha voluto far conoscere più di sé e si è voluto anche un po' sfogare, ed ha detto delle frasi che hanno colpito. L'inizio è stato questo:

Sarà una conferenza stampa un po’ diversa perché inizierò con un discorso, non so se corto o lungo. Proverò a mantenerlo breve. Questa è la storia di un ragazzino che sognava grandi cose nel tennis. Quando ho preso in mano una racchetta avevo sei anni: passa veloce il tempo. A 12 anni, mi allenavo, giocavo alcuni tornei in Russia e ovviamente guardavo gli Slam in TV, le grandi star che giocavano, i fan che li supportavano. Sognavo di essere lì.

Medvedev ha raccontato una storia del suo passato, e ha parlato delle sue prime partecipazioni ai tornei dello Slam: "Ho iniziato a giocare alcuni tornei in Europa. Ricordo di aver fatto finale ai Giochi Olimpici giovanili ed è stato bello. Avevamo come un campo centrale, in Turchia: c’erano forse mille, duemila persone. È stato davvero fantastico essere lì. Quelli sono i momenti in cui sogni stadi più grandi. La parte migliore di giocare da junior è partecipare agli Slam, perché è lì che vedi i professionisti. Allo US Open mangi nello stesso ristorante con loro. Ci sono persone che vengono e ti supportano anche se probabilmente non sanno esattamente chi sei. Quello è il momento in cui dici ‘Wow, voglio essere lì negli Slam a giocare contro i migliori del mondo’. Ricordo che quando sono andato agli US Open, ho visto passare John Isner e ho pensato che fosse più grande di quanto non sembrasse dalla televisione".

Poi ha detto una frase che non lascia indifferenti: "Ora parlo solo di pochi momenti in cui il bambino ha smesso di sognare, e oggi era uno di quelli. Non ho intenzione di dire esattamente perché". E ha anche dichiarato che d'ora in poi nella sua vita tennistica cambieranno un po' di cose: "Non penso che sarò in campo fin oltre i trent'anni. Giocherò per me stesso, per la mia famiglia, per provvedere alla mia famiglia, per le persone che si fidano di me e ovviamente per tutti i russi, perché sento sempre il loro sostegno. Se ci sarà un torneo sul cemento a Mosca, prima del Roland Garros o di Wimbledon, ci andrò anche se dovessi rinunciare a Wimbledon, al Roland Garros o ad altro. Il bambino smesso di sognare. Il bambino giocherà per se stesso. Questo è tutto. Questa è la mia storia. Grazie per l’ascolto, ragazzi".

Tecnicamente dice di non avere rimpianti, Nadal ha giocato in modo grandioso e questo gli toglie il rammarico per la finale persa a Melbourne: "Rafa è stato irreale. Mi ha sorpreso come abbia giocato anche dopo quattro ore. Non ha giocato per sei mesi e mi ha detto che non si è potuto allenare moltissimo. Davvero irreale. A livello tennistico non ho molti rimpianti. Continuerò ha fare del mio meglio e anzi, lavorerò ancora più duramente per tentare di vincere uno di questi grandi tornei un giorno".

225 CONDIVISIONI
110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni