750 CONDIVISIONI
US Open 2022
2 Settembre 2022
22:08

Matteo Berrettini soffre, rischia il crollo con Murray poi reagisce e vola agli ottavi degli US Open

In vantaggio 2 set a zero, a inizio 3° set l’incontro è stato sospeso per un malore in tribuna. Con la ripresa del match, Berrettini si è spento e ha permesso la rimonta di Murray, per poi chiudere al 4° set (6-4, 6-4, 6-7, 6-3)
A cura di Paolo Fiorenza
750 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
US Open 2022

Matteo Berrettini prosegue la sua avventura a Flashing Meadows dove ha superato nel terzo turno lo scoglio Andy Murray fermando l'inglese in quattro set: 6-4, 6-4, 6-7, 6-3  il punteggio finale. L'azzurro ha sempre avuto in mano la partita, mantenendo fede ai pronostici della vigilia che lo vedevano favorito, soffrendo soprattutto su un rovescio che spesso e volentieri ha funzionato poco e male. Il romano ha però visto complicarsi tutto sul 30-40 del 3° game (1-1) quando il match è stato interrotto per un malore sulle tribune. L'ex numero 1 del ranking ha provato a rientrare in partita, strappando al tiebreak il 4° set. Agli ottavi, però, ci va Berrettini che sfiderà Davidovich Fokina che ha battuto in quattro set Galan Riveros.

Il momento più delicato del match, che stava proseguendo sui giusti binari per l'italiano, è stato un inatteso fuoriprogramma che ha creato più di una semplice apprensione e ha scombinato i piani dell'azzurro. Mentre Berrettini veleggiava sul doppio 6-4, a inizio terzo set la partita si è dovuta interrompere sull'1-1. Un'emergenza medica tra gli spalti, dove si è sentito male uno spettatore ha costretto a fermare il gioco, in attesa che lo staff dell'organizzazione degli US Open potesse intervenire e prestare i primi soccorsi.

il momento dell’intervento dello staff sanitario in tribuna durante il 3° set di Berrettini–Murray
il momento dell’intervento dello staff sanitario in tribuna durante il 3° set di Berrettini–Murray

Murray si stava preparando a servire con l'arbitro apparentemente ignaro di ciò che stava accadendo sugli spalti e che ha chiesto alla folla di calmarsi prima che fosse chiaro che una persona tra gli spettatori avesse bisogno di assistenza medica. Alcuni minuti di apprensione e ansia per le sorti dello spettatore, poi tutto è ripreso come prima, tra gli applausi di incoraggiamento per la persona colpita da un momentaneo malore e che è tornata in piedi, con un segno promettente. Entrambi i giocatori sono tornati in campo pronti a riprendere il gioco, ritardato ancora alcuni istanti per alcune persone che hanno impiegato troppo tempo per tornare ai loro posti.

Una pausa che ha spezzato l'inerzia del match, portandolo a favore di Murray che ha ripreso, con il servizio a proprio favore, il terzo gioco del 3° set riuscendo a tenere testa a Berrettini. L'ex numero 1 del ranking ATP ha sfoderato il proprio miglior tennis portandosi sul 5 pari e riuscendo dopo una serie infinita ad aggiudicarsi il game che lo ha tenuto in vita e portandosi sul 6-5. Berrettini tiene a fatica il proprio servizio al 12° game e sul 6 pari scatta il tiebreak dove Murray dilaga chiudendo 7-1 e trascinando il match al 4° set.

Il 4° set veleggia sull'equilibrio, poi all'ottavo game è ancora Berrettini ad alzare la testa: doppia palla break e vantaggio 5 a 3 con il servizio a disposizione per chiudere l'incontro. Un'occasione che il tennista romano non si fa scappare, trovando l'ace del definitivo 6-3 con cui batte Murray e vola agli ottavi di finale degli US Open.

750 CONDIVISIONI
84 contenuti su questa storia
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Il tennis ha un nuovo re, Alcaraz batte Ruud, vince gli US Open e diventa numero 1 a 19 anni
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Finale US Open, Ruud-Alcaraz: orario e dove vedere in diretta TV la partita di tennis
Alcaraz-Ruud: nella finale degli US Open c'è in palio il numero 1 ATP, in ogni caso sarà storico
Alcaraz-Ruud: nella finale degli US Open c'è in palio il numero 1 ATP, in ogni caso sarà storico
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni