Australian Open
30 Gennaio 2022
16:54

Il momento in cui Medvedev ha rovinato tutto: “Falli smettere, sono degli idioti!”

Durante la finale degli Australian Open non sono mancati cenni di nervosismo da parte di Medvedev, che ha ancora una volta polemizzato col pubblico di casa, schierato con Nadal.
A cura di Alessio Pediglieri
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Australian Open

Rafa Nadal si è preso l'Australian Open 2022, 12 anni dopo l'ultimo successo in Oceania, il 21° Slam di una carriera immensa e da oggi unica, scavalcando in un sol colpo Djokovic e Federer nella classifica all time dei più grandi vincitori. Una vittoria col brivido, in rimonta, in una epica battaglia quasi senza fine con il vincitore dell'ultima edizione, e fresco conquistatore dei più recenti US Open, Daniil Medvedev. Il russo aveva incominciato la finale nel migliore dei modi, portandosi due set a zero ma, dopo l'iniziale 6-2, 7-6, si è spenta la luce ed è iniziato il tunnel che ha portato Nadal alla rimonta negli ultimi 3 set: 6-4, 6-4, 7-5.

Una finale che appariva segnata con Medvedev subito in partita e Nadal in grave ritardo, poi nel 4° set la svolta che è stata decisiva per la finale con il russo che ha perso, ancora una volta, la testa e la concentrazione, litigando con gli spettatori. A quel punto il pubblico ha iniziato a tifare ancora più apertamente per Nadal mandando prima Medvedev sull'orlo del baratro per poi farlo scivolare giù mestamente al 5° set. Il momento che ha cambiato per sempre la finale degli Australian Open 2022 è arrivato a metà del quarto set, all'ottavo gioco.

Il tifo sugli spalti durante la finale: quasi tutto a favore di Nadal
Il tifo sugli spalti durante la finale: quasi tutto a favore di Nadal

Nadal è riuscito a forzare il terzo set chiudendolo 6-4, per poi giocarsi punto a punto il quarto. Medvedev ha iniziato a dare segnali di nervosismo, soprattutto nei confronti del pubblico presente alla Rod Laver Arena, circa 11 mila persone si stavano godendo la finale e – soprattutto – apprezzando il ritorno del campione spagnolo, tornato improvvisamente in partita. Sul 4-4 del terzo set dopo un suo errore, il pubblico ha applaudito per Nadal e il moscovita ha reagito di par suo: con un suo applauso ironico e polemico verso la Rod Laver Arena. Da quel momento è iniziata una nuova partita per Medvedev.

Il tennista russo ha iniziato la sua personale battaglia col pubblico di casa, perdendo concentrazione sul match. "Sono degli idioti, dei cervelli vuoti, è probabile che siano anche molto cattivi" ha detto rivolgendosi a John Bloom, l'arbitro di sedia durante la pausa successiva. "Sono cervelli vuoti, dire per favore non basta" ha poi aggiunto sempre rivolto a Bloom, per i continui brusii e rumori provenienti dagli spalti. "Fai qualcosa, grazie!".  Segni di nervosismo Medvedev li aveva mostrati anche nel corso del secondo set, con qualcuno tra il pubblico che si divertiva a gridare tra il primo e il secondo servizio. Anche Nadal si era accorto dell'atteggiamento sugli spalti e aveva fatto cenno ai tifosi di seguire la finale, seguendola con rispetto.

Uno dei momenti di nervosismo in campo per Medvedev: pollice polenico verso il pubblico
Uno dei momenti di nervosismo in campo per Medvedev: pollice polenico verso il pubblico

Da lì in poi, purtroppo, il numero 2 del mondo ha ceduto mentalmente con il finale che tutti sappiamo: una incredibile rimonta di Nadal e Medvedev costretto alla resa, cercando ancora una volta anche nel pubblico i motivi del suo crollo. Un filo conduttore in questi Australian Open 2022 in cui il campione moscovita aveva già manifestato fastidio nei confronti dei tifosi. In semifinale contro il greco Stefanos Tsitsipas aveva accusato il greco di beneficiare di "coatching", pratica vietata negli incontri professionistici, con un feroce botta e risposta col giudice di sedia definitivo da Medvedev "uno stupido".

Anche in un altro paio di occasioni, la ‘sfida' tra Medvedev e il pubblico australiano è andata in scena. Ad esempio, proprio nel quarto di finale vinto contro Auger-Aliassime, nell'intervista subito dopo la vittoria, Medvedev aveva rilasciato dichiarazioni che avevano fatto trasalire il pubblico presente: "Cosa ho pensato nei momenti di difficoltà? Solo cosa avrebbe fatto in quel caso Djokovic". Una frase che, alla luce delle polemiche sul serbo escluso dagli Open, aveva spinto parte dei tifosi a fischiarlo. E, non ultimo, ancora prima, al 2° turno del torneo, c'erano state nuove polemiche sempre per altre sue dichiarazioni "infelici" rilasciate in campo.

Dopo l'ultima fatica, però, Medvedev ha fatto ‘pace' definitiva con i tifosi presenti sugli spalti. Davanti al trionfo di Nadal, le sue dichiarazioni non hanno lasciato spazio a nuove polemiche: "Gli ho fatto i miei complimenti, non sembrava nemmeno stanco. Speravo si stancasse, forse lo ha fatto un pochino ma non è stato abbastanza. Dopo due ore di gioco, giocava sempre meglio!" e poi rivolto a sua moglie e al suo staff: "Credo che mia moglie abbia distrutto la tv a casa… Ringrazio tutti i membri del mio team, grazie ai miei genitori e a mia sorella. Se state ancora guardando, vi voglio ringraziare per i vostri incoraggiamenti, cercherò di fare meglio la prossima volta". Firmato Medvedev, dottor Jekyll e Mister Hyde del tennis mondiale. Prendere o lasciare.

110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni