8.548 CONDIVISIONI

Trova la Benetton di Schumacher in una discarica piena di F1 abbandonate: poi fa un’amara scoperta

Rinvenute in Francia abbandonate in mezzo ai rottami cinque storiche monoposto da Formula 1 tra cui la Benetton con cui Michael Schumacher vinse il suo secondo Mondiale, ma dopo qualche ora l’uomo che le ha ritrovate ha fatto un’amarissima scoperta.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Michele Mazzeo
8.548 CONDIVISIONI
Immagine

Per qualche ora Julian Def, un appassionato di auto francese, ha creduto di aver fatto il ritrovamento del secolo quando si è imbattuto in una discarica piena zeppa di monoposto che hanno fatto la storia della Formula 1. L'uomo passeggiando tra i boschi vicino casa sua, dietro un nugolo di cespugli, si è infatti ritrovato davanti cinque vetture F1 poggiate su alcuni rimorchi apparentemente abbandonati in mezzo ad un campo incolto tra cui la Benetton B195 con cui il leggendario Michael Schumacher conquistò il suo secondo titolo mondiale prima di passare alla Ferrari ed entrare nel mito diventando poi il pilota più titolato di sempre (eguagliato poi da Lewis Hamilton) e la Lotus 79 con cui Mario Andretti ha conquistato il Mondiale nel 1978.

Immagine

Due vetture che, seppur da restaurare date le pessime condizioni in cui versavano, da sole potevano valere una fortuna dato che i collezionisti avrebbero fatto carte false pur di metterle nel proprio garage. Nemmeno il tempo di fantasticare su cosa avrebbe fatto con quei preziosissimi cimeli appena ritrovati che l'entusiasmo dell'uomo è stato leggermente smorzato da una prima amara scoperta: le monoposto non erano abbandonate ma appartenevano ad una società che le aveva messe in vendita al prezzo di 55mila euro ciascuna.

Rientrato a casa il ragazzo francese ha comunque condiviso il suo ritrovamento sui propri profili social pubblicando le foto delle cinque monoposto da Formula 1 apparentemente abbandonate: "Trovato questo non lontano da casa. Me le sono ritrovate davanti superati i cespugli e tra l'altro sono in vendita" si legge infatti a corredo delle fotografie delle cinque vetture F1 nel post pubblicato su Facebook.

Immagine

Il post ha inevitabilmente attirato la curiosità di tantissimi altri appassionati d'auto che volevano maggiori informazioni riguardo le rare e prestigiose macchine da corsa. A quel punto sono partite ulteriori indagini per cercare di capire perché quelle cinque leggendarie Formula 1 fossero state lasciate in stato d'abbandono e per quale motivo la cifra richiesta per acquistarle fosse comunque bassa rispetto all'attuale valore di mercato che in realtà avevano. Ed è lì che per Julian Def è arrivata la seconda amarissima scoperta: quelle che aveva ritrovato non solo non erano quelle utilizzate da Michael Schumacher, Mario Andretti e altri piloti in pista, ma non si trattava nemmeno di vere monoposto F1.

Immagine

Le cinque vetture apparentemente abbandonate erano infatti delle repliche costruite dall'azienda francese Team Les Galapaits che montano tra l'altro dei motori motociclistici e non i potenti V10 in quanto prodotte negli anni '90 per gli adolescenti che vi correvano sul circuito Pierre Monnier di Grenoble. Il post del ragazzo transalpino ha involontariamente fatto una grande pubblicità a quelle monoposto tanto che il giorno successivo tutte e cinque sono state vendute e hanno trovato dunque un nuovo proprietario che avrà il compito di restaurare quei vecchi rottami e riportarli all'antico splendore.

8.548 CONDIVISIONI
Una Lamborghini da mezzo milione abbandonata in una discarica nella giungla: scoperta tra i rottami
Una Lamborghini da mezzo milione abbandonata in una discarica nella giungla: scoperta tra i rottami
Bergomi dice che l'Inter non fa mercato, Di Canio reagisce e poi si blocca: "Ma siamo in diretta?"
Bergomi dice che l'Inter non fa mercato, Di Canio reagisce e poi si blocca: "Ma siamo in diretta?"
Arteta batte Klopp, poi si fa beffe di lui e trascina tutti i tifosi dell'Arsenal
Arteta batte Klopp, poi si fa beffe di lui e trascina tutti i tifosi dell'Arsenal
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni