10 Ottobre 2021
16:52

L’azzardo Ferrari nel GP della Turchia con Leclerc: “Se tieni dietro Bottas vinciamo”

Nel GP della Turchia tanti segnali positivi per la Ferrari ma anche un pizzico di delusione per il podio quasi certo sfumato per Charles Leclerc a causa di un azzardo fatto più con il cuore che con la testa. Esplicativo a tal riguardo il team radio andato in scena tra il pilota monegasco e il muretto del Cavallino dopo il pit-stop di Bottas: “Se lo tieni dietro finisci primo”.
A cura di Michele Mazzeo

Il GP della Turchia si chiude con un paradosso per la Ferrari: il miglior week end della stagione per la squadra di Maranello si chiude senza salire sul podio. Nella gara della Formula 1 2021 di Istanbul i due piloti del Cavallino Charles Leclerc e Carlos Sainz sono stati tra i grandi protagonisti con il primo che è stato leader della corsa per diversi giri e il secondo nominato addirittura "pilota del giorno" a livello internazionale.

La Ferrari lascia dunque la Turchia con tanti segnali positivi, su tutti il fatto che la nuova Power Unit montata su entrambe le SF21 abbia finalmente ridotto il gap da Red Bull e Mercedes e aumentato il vantaggio sulle altre squadre. Charles Leclerc ha tenuto il ritmo di Bottas e Verstappen per tutta la gara, Carlos Sainz ha dato vita ad una grande rimonta che lo ha portato a chiudere in ottava posizione dopo esser partito 19° in griglia di partenza essendo per buona parte della corsa il pilota più veloce in pista (solo nei due giri finali Bottas gli ha strappato il punto addizionale per chi effettua il giro più veloce). Dieci i punti recuperati alla McLaren  in classifica costruttori con il ritardo dal terzo posto che è adesso di 7,5 punti a sei gare dal termine.

Nonostante ciò la Ferrari lascia la Turchia con qualche rimpianto, come sottolineato da Charles Leclerc dopo aver tagliato il traguardo all'Istanbul Park: "Ci abbiamo provato fino alla fine. Era molto strano con queste intermedie. Noi andavamo più forte di quelli che hanno cambiato prima. Poi è arrivato il ‘graining' e perdevamo tanto, quindi ci siamo dovuti fermare. Quando sono uscito dal box ho sentito che il grip era poco, poi piano piano è migliorata ma ormai era troppo tardi. È stato un week end positivo per noi, anche se sono un po' deluso" ha infatti detto il monegasco ai microfoni di Sky Sport.

Ovviamente la delusione è dettata da quel podio sfumato a causa di un azzardo da parte di squadra e team che a venti giri dal termine della corsa hanno deciso di mettere a rischio una quasi certa terza posizione per tentare di tornare alla vittoria in Formula 1 dopo oltre due anni digiuno. Un azzardo fatto più con il cuore che con la testa (anche alla luce del fatto che Pirelli aveva avvertito i team che con quelle gomme intermedie non si sarebbe potuto finire la gara), come dimostra lo strano team radio andato in scena tra Charles Leclerc e il box Ferrari poco dopo il pit-stop di Bottas tornato in pista alle sue spalle girando molto più veloce rispetto al 23enne di Monte Carlo: "Se rimaniamo fuori e continuo ad avere questo passo, come finisce la gara?" chiede infatti il monegasco, "Se tieni dietro Bottas, P1" rispondono dal muretto.

La Ferrari cambia per il GP degli Stati Uniti, novità tra i piloti: dietro c'è una precisa strategia
La Ferrari cambia per il GP degli Stati Uniti, novità tra i piloti: dietro c'è una precisa strategia
La Ferrari cambia colore per il GP di Monza: sulla livrea speciale spunta il giallo
La Ferrari cambia colore per il GP di Monza: sulla livrea speciale spunta il giallo
Perché i piloti Ferrari indossano casco e tuta di colore giallo oggi nel GP di Monza
Perché i piloti Ferrari indossano casco e tuta di colore giallo oggi nel GP di Monza
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
341
2
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
237
3
S. Pérez Red Bull
Red Bull
235
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
203
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
202
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
576
2
Ferrari
439
3
Mercedes
373
4
McLaren
129
5
Alpine
125
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni