Domenica da dimenticare per Valentino Rossi. Questa volta il "Dottore" protagonista di un inizio di avventura con la Petronas Yamaha tutt'altro che positivo, non è riuscito a finire la gara, al contrario dei primi due appuntamenti stagionali quando ha collezionato un 12° e un 16° posto. Il pilota classe 1979 è finito nella ghiaia nel corso del 15° giro del Gran Premio del Portogallo, dopo una scivolata. A fine gara, Rossi ha sottolineato le difficoltà legate soprattutto alla differenza di ritmo rispetto agli avversari, dimostrandosi però speranzoso in vista dell'appuntamento di Jerez.

È finito per terra mentre stava cercando di rimontare dopo la partenza dalla 17a posizione in griglia. Altra domenica non positiva per Valentino Rossi con la sua Petronas. Nel post-gara, il pilota ha esternato la sua frustrazione per una caduta che ha vanificato il suo tentativo di risalire la china a Portimao: "Peccato per la caduta, stavo facendo una gara decente, ero più veloce, con la dura avevo un buon passo – riporta Sky – Quando parti così dietro è difficile, ho perso tempo facendo un po' di battaglie, ma stavo risalendo bene. Sarebbero stati punti importanti per il morale. Non so cosa sia successo, non mi aspettavo di finire a terra in quel punto".

Non è uno abituato ad usare troppi giri di parole Rossi che non ha nascosto le difficoltà legate soprattutto al livello della competitività, altissimo. Una situazione che spinge la grande gloria della MotoGP a ridurre al massimo gli errori: "Quest'anno è molto difficile perché il livello è altissimo, vanno tutti forte. Non serve arrabbiarsi: sappiamo che se riesco a esprimere il mio stile possiamo essere competitivi, dobbiamo insistere".

Da cosa ripartire dunque? Bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno, ovvero dalle indicazioni positive arrivate dalla gara di oggi, prima dello scivolone. Per questo Valentino Rossi è fiducioso soprattuto in vista di un tracciato che gradisce e non poco: "Portimao è una pista difficile, ora si va a Jerez: un circuito che mi piace moltissimo, l'anno scorso sono andato bene salendo sul podio, cercheremo di essere veloci. Questa gara comunque mi dà fiducia, devo cercare di fare meglio in qualifica, e dovremo cercare di partire più avanti. La strada forse è quella giusta".