La morte di Kobe Bryant si arricchisce di nuovi elementi e diventa una tragedia familiare. Nell'incidente in elicottero, come confermato dalle autorità di Los Angeles, è morta anche la figlia Gianna Maria di 13 anni, con lui sul velivolo al momento dello schianto. I due, con gli altri passeggeri dell'elicottero, erano diretti verso la Mamba Academy, il centro sportivo aperto di proprietà dell'ex cestista situato nei pressi di Thousand Oaks. Sono state invece smentite le voci sulla presenza della moglie, Vanessa Bryant, a bordo dell'elicottero.

Lo schianto è avvenuto nei pressi di Calabasas in seguito ad un incendio esploso a bordo del velivolo. Insieme a Kobe Bryant e alla figlia Gianna Maria, il pilota e altri sei passeggeri non ancora identificati.

Chi era Gianna Maria Bryant, figlia di Kobe Bryant

Gianna Maria Bryant, conosciuta da tutti come ‘GiGi', condivideva con il padre la grande passione per la pallacanestro. Tra le figlie era quella più interessata al basket e ad una possibile carriera da professionista. Spesso presente alle partite del padre, si faceva spesso notare per delle sessioni di tiro prima o dopo le partite, accompagnata da Kobe. Si allenava presso la Mamba Academy, il centro sportivo che stavano raggiungendo al momento dell'incidente, ed era una giocatrice delle Los Angeles Lady Mamba, squadra femminile di pallacanestro. Recentemente Kobe e Gianna Maria Bryant avevano assistito insieme ad una gara dei Los Angeles Lakers, la storica squadra di Kobe, allo Staples Center.

Le figlie di Kobe Bryant: tutte con nome italiano

Gianna Maria-Onore era la seconda delle quattro figlie di Kobe Bryant e la moglie Vanessa. Come le altre tre (Natalia Diamante, Bianka Bella e Capri Kobe) aveva un nome italiano, scelta naturalmente non casuale, frutto del forte legame che Kobe Bryant ha sempre avuto con l'Italia.